Il modello a traiettorie individuali esatte e modalità di calcolo delle prestazioni

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 pensionabile, incentivi per la prosecuzione dell’attività lavorativa e il conferimento del trattamento di fine rapporto alla previdenza complementare con consenso del lavoratore. Da ultimo la riforma Fornero ha ulteriormente modificato il panorama del sistema pensionistico italiano. I punti chiave della riforma sono: - pensioni di vecchiaia con requisiti più elevati; - assegni determinati con il metodo contributivo anche per coloro che avevano conservato il metodo retributivo; - l'età di uscita dal lavoro che nel 2022 sarà per tutti di 67 anni; - eliminazione della possibilità di andare in pensione con il sistema delle quote. Prima della riforma Amato e della riforma Dini era presente, nel sistema previdenziale italiano, solamente la pensione obbligatoria cioè quella derivante dal pagamento dei contributi obbligatori per legge, che tutt’oggi costituisce il primo pilastro della previdenza. Con l’introduzione della legge n. 503 del 30 dicembre 1992 e della legge n. 335 del 8 agosto 1995, si osserva la nascita della previdenza complementare ovvero una forma di previdenza aggiuntiva rispetto a quella erogata dagli enti pensionistici obbligatori. La previdenza omplementare si divide in collettiva (fondi pensione) e individuale (piani pensionistici individuali) ed è basata sul sistema a capitalizzazione. I fondi pensione costituiscono il secondo pilastro della previdenza e sono istituiti da banche, assicurazioni, società di gestione del risparmio e società di intermediazione mobiliare; tramite un fondo pensione il lavoratore investe volontariamente risparmi durante la vita lavorativa, allo scopo di garantire prestazioni pensionistiche aggiuntive rispetto a quelle erogate dagli enti previdenziali obbligatori. I piani pensionistici individuali costituiscono il terzo pilastro della previdenza e si realizzano mediante polizze assicurative ovvero contratti di assicurazione sulla vita a scopo previdenziale. Oggi il sistema pensionistico italiano è la sovrapposizione di più regimi transitori. In pratica questo vuol dire che le pensioni sono calcolate su più quote distinte e che in alcuni casi, per addirittura pochi giorni di differenza nella data di assunzione, due soggetti con anzianità contributiva quasi uguale possono avere calcoli diversi della

Anteprima della Tesi di Gian Pietro Petti

Anteprima della tesi: Il modello a traiettorie individuali esatte e modalità di calcolo delle prestazioni, Pagina 9

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Gian Pietro Petti Contatta »

Composta da 123 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1417 click dal 14/12/2012.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.