Il segreto professionale del giornalista: storia e casi di un diritto equivoco

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

“Tutti hanno diritto di manifestare il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione” e che: “La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure” 2 specificando le eccezioni che riguardano il limite del buon costume e i reati a mezzo stampa per i quali è possibile il sequestro approvato e motivato dall’autorità giudiziaria o in casi di estrema urgenza anche da ufficiali di polizia giudiziaria, intervento che deve però essere confermato dalla stessa autorità giudiziaria entro le ventiquattro ore. Accanto a questi fondamentali diritti, il giornalista deve agire sempre con professionalità e consapevolezza della grande responsabilità che si assume e per questo deve seguire un codice etico espresso dalla “Carta dei doveri del giornalista”. Questo documento, approvato nel ’93, sottolinea l’importanza del diritto all’informazione di tutti i cittadini che è compito del giornalista tutelare; e per adempiere a questo compito il professionista dell’informazione deve sempre diffondere le notizie di interesse generale (senza ostacoli o ingerenze dei gruppi di potere), deve rispettare la tutela della riservatezza e dignità altrui e deve utilizzare tempestivamente lo strumento della rettifica in caso di un errore nella ricostruzione di una notizia. Infine è d’obbligo il controllo accurato delle informazioni veicolate dalle fonti e la loro segretezza se richiesta dalla stessa sorgente che invece va esplicitata in tutti gli altri casi per favorire la comprensione dell’articolo. Sinteticamente sono tre i vincoli che il giornalista deve rispettare prima di dare una notizia: la verità dei fatti, l’interesse pubblico e l’essenzialità dell’informazione. 2 Costituzione italiana, art. 21. 4

Anteprima della Tesi di Francesco Santucci

Anteprima della tesi: Il segreto professionale del giornalista: storia e casi di un diritto equivoco, Pagina 3

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Francesco Santucci Contatta »

Composta da 52 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1395 click dal 14/12/2012.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.