Skip to content

Touches of Evil: due versioni a confronto de L'Infernale Quinlan di Orson Welles

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
STORIA DELLE TRE VERSIONI RILASCIATE Touch of evil è il film che segna il ritorno di Orson Welles a Hollywood come regista dopo un decennio di esilio forzato in Europa. Inizialmente contattato dal produttore Albert Zugsmith per interpretare il ruolo di Hank Quinlan, è solo grazie alle insistenze di Charlton Heston – anch’egli scritturato per una parte da protagonista – con i vertici della Universal, se ottiene anche la possibilità di occuparsi della regia. Zugsmith, che difatti nemmeno aveva pensato a tale eventualità, pur di soddisfare le esigenze del suo giovane divo concede a Welles persino di riscrivere la sceneggiatura, un adattamento ad opera di Paul Monash del romanzo hard-boiled Badge of Evil di Whit Masterson. Il nostro si mette immediatamente al lavoro e, pur sostenendo di non aver mai letto il romanzo, in soli diciassette giorni se ne esce con un copione altamente rinnovato sotto il profilo narrativo e stilistico, come già avvenuto per La signora di Shanghai (The Lady from Shanghai, 1946): una radicale dipartita dalla usuale trattazione hollywoodiana della materia noir. Alcune delle più significative discrepanze con il soggetto originale sono ad esempio la diversa etnia della moglie di Vargas – da messicana ad americana dell’alta società di Filadelfia – che gli permette di indagare le tensioni razziali all’interno del contesto matrimoniale, nonchè la creazione di personaggi come quelli di Tanya e del portiere notturno, pensati specificatamente per Marlene Dietricht e Dennis Weaver. Le riprese di Touch of evil terminano il 2 Aprile 1957. Verso la metà del mese Welles da avvio alla fase post-produttiva della pellicola, da lui stesso supervisionata. Solo il 22 Luglio, a suo dire, i vertici della Universal “saw a rough cut of it, and they were so horrified that they wouldn’t let me in the studio [...]” 1 . Quello che credono di ottenere, un noir convenzionale anche se di classe, è stato tramutato in realtà in in una storia oscura e labirintica, i cui complessi schemi di interconnessione sono determinati sia dal pulsare dei ritmi visivi, sia dall’elevata velocità narrativa. In questo modo, persa definitivamente fiducia nel potenziale commerciale della pellicola, non rientrerebbe più negli interessi della major concedere al regista di portare a termine il montaggio del film, ed è difatti estromesso una volta per tutte dalla fase post produttiva. Purtroppo gli svariati tentativi della Universal di ricostruire il film senza Welles per renderlo più appetibile al pubblico e recuperare parte dell’investimento non fanno che peggiorarlo, 1 Orson Welles, citato in Clinton Heylin, Despite the system: Orson Welles versus the Hollywood studios, New York, Canongate, 2006, p. 306. 4
Anteprima della tesi: Touches of Evil: due versioni a confronto de L'Infernale Quinlan di Orson Welles, Pagina 4

Preview dalla tesi:

Touches of Evil: due versioni a confronto de L'Infernale Quinlan di Orson Welles

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Marco Bracchitta
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Dams - Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo
  Relatore: Loretta Guerrini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 56

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

orson welles
charlton heston
infernale quinlan
touch of evil
vivien leigh
tesi laurea primo livello
harry keller
henry mancini
filologia del cinema
restauro cinematografico
bologna
dams cinema
marco bracchitta
loretta guerrini

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi