Skip to content

Economy of Degrowth: Theories and Perspectives

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
Michele Castaldo crisis: critics to GDP date back to 50s-60s. However, many efforts of establishments and political authorities concentrate on the increase of aggregate production and because of that the topic is still matter of contentions: “despite the huge literature on its inadequacy as a measure of economical success, GDP is still the most important barometer of political success” (Martini, 2003, p.198). Claudio Martini detects the source of the problem in the pressure of statistical institutes toward policy makers about GDP performances. “However” he proceeds “we have the chance to counterbalance the power of GDP redefining the concept of good governance basing on a new, wide range of indicators which measure what is really important for societies” (Martini, 2003, p.199). In 1990, the economist Mahbub ul Haq introduced a new indicator measuring human development which was composed by three variables: literacy, life expectancy and GDP per capita. Three years later, UN began to use this indicator to evaluate quality of life in national States. So, for the first time, GDP was not the sole number took into consideration. However, that appears to be not enough. The Human Development Index does not solve many of the problems arising by an economy based on production measurement. First, it does not consider sustainability, from economical to environmental ones. Second, it completely ignores equity and distribution of resources. For these reasons, at the beginning of 2008 French president N. Sarkozy decided to institute the Stiglitz commission to deal with these matters. The analysis of the commission on limits of GDP can be summarized in these points: - non-market activities 4 are evaluated at the sum of the related costs. - capital depreciation is not considered - no importance is attributed to income distribution - It counts defensive expenditure, i.e. all the expenses sustained to maintain the functioning of society: there is not a direct benefit. - It does not take into account household activities For these reasons GDP is to be considered as a distort measure of economic performances. Thus, it needs to be integrated. Anyway, the main problem of this measure is that it doesn't take into account many aspects of social life and it is far away from measuring well-being. It is just a 4 The notion of non-market activity has to be intended as all the goods and services provided by the public sector 9
Anteprima della tesi: Economy of Degrowth: Theories and Perspectives, Pagina 7

Preview dalla tesi:

Economy of Degrowth: Theories and Perspectives

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Michele Castaldo
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi Ca' Foscari di Venezia
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia Politica
  Relatore: Carlo Giupponi
  Lingua: Inglese
  Num. pagine: 85

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

sustainability
consumerism
green economy
zero growth
degrowth
resiliency
local production
local currency
participatory democracy
conviviality
social values
slow cities

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi