Skip to content

Efficienza Energetica degli edifici storici - Riqualificazione Della sede municipale di Castelmassa

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 1 La normativa in Italia sul risparmio energetico nell’edilizia - 8 - disperdimenti attraverso superfici perimetrali dell’edificio e le singolarità; calcolo delle resistenze termiche, coefficienti di adduzione e conducibilità termica dei diversi materiali da costruzione; parametri climatici su base mensile per le città italiane; calcolo dei disperdimenti energetici in base alle temperature interna ed esterna, legati alla produzione ed alla distribuzione di energia; fattori di correzione per tener conto dell’umidità nei materiali in opera. Un parametro importante che viene preso in esame è l’inerzia termica dell’edificio, ossia la capacità di autoregolazione dei flussi energetici che lo attraversano in regime dinamico, caratterizzando la capacità che ha la struttura di accumulare calore; rilevante è anche il surriscaldamento estivo: entrambi i termini influiscono sul bilancio termico dell’edificio (quindi sui consumi energetici) e sul benessere degli occupati. Di particolare rilievo nel testo della legge 10/91 sono l’articolo 28, che obbliga il proprietario dell’edificio a depositare in comune in doppia copia il progetto delle opere stesse corredate da una relazione tecnica sottoscritta dal progettista che ne attesta la rispondenza alle prescrizioni della legge stessa e l’articolo 30, nel quale si parla per la prima volta di certificazione energetica prevedendo che nei casi di compravendita o di locazione la certificazione energetica deve essere portata a conoscenza dell'acquirente o del locatario, che il proprietario o il locatario possono richiedere al comune ove è ubicato l'edificio la certificazione energetica e che l'attestato relativo alla certificazione energetica ha una validità temporale di cinque anni a partire dal momento del suo rilascio. L’articolo rimandava all’emanazione del decreto attuativo dopo novanta giorni dalla data di entrata in vigore della legge in grado di definire le norme e i soggetti abilitati per la certificazione energetica degli edifici, ma tutto è rimasto inatteso. La legge 10/91 rimane però poco attuata, sia per la lentezza della burocrazia, sia per il poco interesse manifestato dall’utenza e dai progettisti in Italia negli anni ’90 per le problematiche energetiche. 1.3 La direttiva 2002/91/CE La situazione ha iniziato ad evolversi con l’emanazione della direttiva 2002/91/CE “Sul rendimento energetico in edilizia” emessa il 16 dicembre 2002. La direttiva è nata per proporre uno strumento che aiuti a diminuire le emissioni di CO 2 in accordo con il Protocollo di Kyoto (trattato internazionale riguardante il riscaldamento globale sottoscritto l’11 dicembre 1997 ed entrato in vigore il 16 febbraio 2005 che prevede l’obbligo in capo ai Paesi industrializzati di operare una riduzione delle emissioni di elementi inquinanti in una misura non inferiore al 5.2% rispetto alle emissioni registrate nel 1990 nel periodo 2008-2012) ed ha come principale obiettivo il miglioramento del rendimento energetico degli edifici della Comunità Europea tenendo conto delle specifiche condizioni ambientali, climatiche e delle norme preesistenti, per sviluppare proprie procedure di regolamentazione. La Direttiva quindi introduce i principali requisiti che devono essere introdotti nelle legislazioni degli Stati membri dell’Unione Europea: - istituzione ed applicazione a livello nazionale e regionale di una metodologia di calcolo uniforme del rendimento energetico degli edifici (articolo 3) - adozione di misure necessarie per garantire che siano istituiti requisiti minimi di rendimento energetico per gli edifici, distinguendo tra edifici esistenti o di nuova costruzione e tra diverse categorie di edifici anche in funzione delle zone climatiche in cui questi si vengono a trovare (articolo 4) - valutazione dei requisiti minimi di rendimento energetico per edifici di nuova costruzione e per edifici esistenti con superficie superiore a 1000 m 2 che subiscono ristrutturazioni importanti (articoli 5 e 6). - introduzione dell’attestato di certificazione energetica di validità massima decennale messo a disposizione del proprietario o del futuro acquirente in fase di costruzione, compravendita
Anteprima della tesi: Efficienza Energetica degli edifici storici - Riqualificazione Della sede municipale di Castelmassa, Pagina 3

Preview dalla tesi:

Efficienza Energetica degli edifici storici - Riqualificazione Della sede municipale di Castelmassa

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Campadelli
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Ferrara
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria civile e ambientale
  Relatore: Davide Concato
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 152

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

risparmio energetico
trasmittanza
efficienza energetica
classe energetica
acqua calda sanitaria
verifica termoigrometrica
ponte termico
uni ts 11300 parte 1
uni ts 11300 parte 3
uni ts 11300 parte 2
indice di prestazione energetica
prestazione energetica per raffrescamento
inerzia termica dell'edificio
sostituzione serramenti

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi