Skip to content

Giotto letto da Dante

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
Jacopo da Carrara «protettore e governatore» 14 della città. Stratega illuminato, mediatore persuasivo, finanziere incallito e quasi profeta, intuì istantaneamente la possibilità di una fama duratura attraverso un'opera magnifica, ma soprattutto un simbolo che specchiasse il proprio potere politico e sociale, ben oltre quello che potesse dargli il solo stemma di famiglia. Perché ciò avvenisse chiamò a sé due tra i più importanti e famosi artisti dell'epoca: Giotto nell'ambito pittorico e Giovanni Pisano, figlio di Nicola, entrambi scultori. In verità sembre- rebbe che lo scultore non avesse preso parte fisicamente al progetto della cappella, lavorando nel proprio studio, per poi spedire a Padova le tre statue dell'altare tra il 1305-06. La sua gloria prendeva forma e non a caso, nell'epigrafe in latino perduta, che doveva trovarsi davanti al proprio sepolcro, non è posto alcun accenno da parte di Enrico ai peccati di fami- glia, anzi sottolinea che un luogo pagano fu convertito al cristianesimo; si poteva leggere infatti che un miles honestum converitì in res honestas un luogo, loca, plena malis. Fortu- natamente di questo importante documento se ne ha una copia trascritta da Bernardino Scar- deone nel 1560 15 . Le indulgenze di un anno e quaranta giorni concesse dal pontefice Benedetto XI per chi si pentisse e visitasse la Cappella nelle festività mariane come Nascita, Annunciazione, Purifi- cazione ed Assunzione, inquadrano il progetto ambizioso di Enrico. D'altronde la chiesa fu dedicata alla Vergine della Carità. Con la morte del pontefice amico, i vicini frati eremitani prepararono le contromosse 16 , spinti dal timore di perdere seguaci, data la continua ascesa di successo della cappella nei cittadini padovani così devoti alla Vergine e conseguenti ricavi per l'indulgenza plenaria. Così si rivol- sero per porvi rimedio al vescovo cittadino, Pagano della Torre, specialmente quando i sopru- si, a detta loro, si esplicavano con la costruzione del campanile. Eppure i finti coretti dipinti che si trovano sotto la scena dell'Annunciazione, mostrano un prolungamento della parete in asse con quella interna e una altezza tale da non permettere l'il- 14 Pisani, I volti segreti di Giotto, cit., 2008, p. 15 15 B. Scardeone, De antquitate Urbis Patavii: Hic locus antiquo de nomine dictus harena| nobilis ara deo fit multo numine plena.| Sic aeterna vices variat divina potestas| ut loca plena malis in res convertat honestas.| Ecce domus gentis fuerat quae maxima dirae| diruta construitur per multos vendita mire.| Qui luxum vitae per tempora laeta sequiti| dimissis opibus remanent sine nomine muti.| Sed de Scrovegnis Henricus miles hone- stum| conservans animum facit hic venerabile festum.| Namque dei matri templum solemne dicari| fecit ut aeterna possit mercede beari.| Successit vitiis virtus divina prophanis| caelica terrenis quae praestant gaudia vanis.| Cum locus iste deo solemni more dicatur| annorum domini tempus tunc tale notatur| annis mille tribus tercentum marcius almae| virginis in festo coniunxerat ordine palmae. Riportata in Bellinati, Nuovi studi sulla cappella di Giotto all'Arena di Padova, cit., 2003, p. 34 16 «Sentendosi minacciati, approfittando della morte di Benedetto XI avvenuta il 7 luglio del 1304 e del fatto che il vescovo Ottobono de' Razzi, che aveva dato ad Enrico il permesso di edificare, fosse stato sostituito [il 29 aprile 1302 verrà eletto patriarca di Aquileia], il 9 gennaio del 1305 si rivolsero con un reclamo assai energico al [nuovo] vescovo». Frugoni, L'affare migliore di Enrico, cit., 2008, p. 39 10
Anteprima della tesi: Giotto letto da Dante, Pagina 7

Preview dalla tesi:

Giotto letto da Dante

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Maickol Quarena
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze dei beni culturali
  Relatore: Giovanna Valenzano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 93

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

dante
divina commedia
padova
giotto
inferno
giudizio universale
cappella degli scrovegni
xiii xiv secolo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi