; Skip to content

Livio e i mores della fondazione

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 desideroso di prendere le distanze da un presente luttuoso non rimaneva che la rievocazione di quell’età ormai lontana, sia per cercare un temporaneo ristoro alle amarezze del presente, sia per rendere a quell’epoca una testimonianza adeguata. Egli, infatti, dovette riconoscere nel clima moralmente sano del passato, da lui ricostruito nella sua opera, una sorta di “valore”, perché in esso individuò un patrimonio che poteva diventare fondante per il presente. La cultura, infatti, come sostiene Assmann 10 , lega l’uomo al suo prossimo creando uno spazio comune di esperienze, di attese e di azioni ma lega anche il passato al presente, modellando e mantenendo attuali i ricordi fondanti, e includendo le immagini e le storie di un altro tempo entro l’orizzonte del presente, così da generare speranze e ricordo: questo aspetto della cultura, alla base dei racconti mitici e storici, compare nell’opera liviana. Lo scopo di Livio, infatti, non era quello di analizzare il corso della storia alla luce delle istituzioni e dei fatti, bensì quello di offrire a Roma una storia degna, per stile e concezione, della sua missione imperiale e della sua grandezza, ‹‹il cui influsso propagandasse la restaurazione morale augustea›› 11 . Sotto l’anno 2033 (= 17 d.C.) Girolamo registra la morte dello storico a Padova; non sappiamo se in occasione di uno dei suoi soggiorni nella città natale, o dopo essersi definitivamente ritirato in essa nell’ultima parte della sua vita. Sul piano documentario, dunque, vale per Livio quanto, in generale, occorre tenere presente per tutta la storiografia romana: la sua opera è certo utilizzabile come una fonte preziosa per la storia romana più antica, del periodo dei primordia, quello regio e quello della repubblica, e più di una volta le notizie che egli ci fornisce sui luoghi e tradizioni hanno trovato conferma nei reperti archeologici 12 ; d’altra parte, essa offre una propria rappresentazione della storia di Roma, che risente di un contesto di crisi e del bisogno, tipico di tutti gli autori della letteratura cosiddetta augustea, di trovare una giustificazione al proprio presente. Bisogna dunque tener conto di questa proiezione ideologica, se si vuole valutare correttamente la narrazione che egli fa delle origini, e nello stesso tempo considerarla un documento prezioso e diretto per conoscere il clima di restaurazione dei costumi tradizionali voluto da Augusto. 10 A tal proposito si rimanda agli studi condotti da ASSMANN 1997. 11 Si fa riferimento a quanto affermato da CARY-DENNISTON-DUFF 1962, s.v. LIVIO, p. 497. 12 Si vedano a proposito della questione delle origini di Roma MOMIGLIANO 1989, pp. 3-12; SERRES 1991 e GABBA 2000. Anche ZIOLKOWSKI 2000, pp. 17-19, e CARANDINI 2003a hanno cercato di verificare il racconto della nascita di Roma in conformità a recenti scavi archeologici.
Anteprima della tesi: Livio e i mores della fondazione, Pagina 5

Preview dalla tesi:

Livio e i mores della fondazione

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Marthia Caleca
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2011-12
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere
  Relatore: Rosa Rita Marchese
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 135

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

letteratura latina
storia di roma
livio
mos maiorum
mores maiorum
instituta

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi