La funzione delle reti transeuropee nel quadro della costruzione europea

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 cui essa può intervenire quando lo ritiene opportuno, escludendo con questo suo intervento le competenze degli stati. La decisione 11 del Parlamento europeo e del Consiglio del 5 giugno 1996, n. 1254/96/CE, nel suo ottavo considerando afferma che un’azione comunitaria di orientamento in materia di RTE dell’energia è necessaria, nel rispetto del principio di sussidiarietà: sembrerebbe che con questo non venga seguita l’interpretazione che è stata fornita. Nel nostro caso la competenza in tema di TENs non può considerarsi esclusiva per quanto riguarda costruzione e sviluppo delle reti, dal momento che il testo dell’art.129B fa un esplicito riferimento all’attività di concorso della Comunità e non di riserva alla Comunità dell’istituzione di reti. Potremmo chiederci se la competenza sia esclusiva per quanto riguarda il coordinamento. Le reti transeuropee di per sé superano le dimensioni e i confini statali e, dal momento che il Trattato istituisce una competenza di coordinamento per l’Unione europea, questa dovrebbe essere esclusiva. La statuizione dell’art.129C, secondo comma, potrebbe sembrare escluderlo dal momento che viene previsto che gli Stati membri coordinano tra loro, in collegamento con la Commissione, le politiche svolte a livello nazionale che possono avere un impatto rilevante sulla realizzazione degli obiettivi di cui all’articolo 129B; il che impone intese e ricerche di intese ma non attribuisce poteri vincolanti alla Commissione e non le da una funzione di coordinamento secondo un modello di sovraordinazione, ma solo di equiordinazione, con pieno rispetto del principio di sussidiarietà. Queste considerazioni portano a condividere l’interpretazione data dalla Commissione che ha fatto riferimento all’osservanza del suddetto principio nell’azione della Comunità. Essa perché possa agire debbono ricorrere tre condizioni (una dimensione europea o transeuropea, maggior efficacia dell’azione comunitaria rispetto a quella di uno 11 Vedi anche la decisione n.1692/96/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 23 luglio 1996, nel suo sesto considerando.

Anteprima della Tesi di Alessandro Battistella

Anteprima della tesi: La funzione delle reti transeuropee nel quadro della costruzione europea, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Alessandro Battistella Contatta »

Composta da 191 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1382 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.