Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

''Andare avanti, tornare indietro, fermarsi, perdersi.'' La memoria 'inventiva' nella scrittura di Igiaba Scego

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 stabile a Mogadiscio; un testo il cui intento principale è far conoscere meglio la Somalia ai bambini italiani e ai bambini immigrati in Italia, toccando temi, anche tragici tra cui l’infibulazione, il colonialismo, la guerra civile. Il testo è bilingue, cioè è scritto in italiano e poi tradotto in somalo dall’autrice stessa, che si è avvalsa dell’ aiuto di una cugina, ed è corredato da numerose illustrazioni di Claudia Borgioli. La prima parte del libro si incentra sulla storia di una bimba nomade, Kadija e delle sue prime esperienze nella grande capitale, emblematiche delle differenze fra la vita nomade e la nuova vita sedentaria come la scuola italiana, il cinema, i rapporti col padre e con la madre. La seconda parte del libro invece sembra una piccola guida turistica della Somalia, con una breve introduzione alla storia del paese, alla posizione geografica, alla religione, alla tradizione orale, con il corredo di alcune favole somale e riferimenti alla tradizione culinaria. Le ultimissime pagine indicano i luoghi, i punti di contatto tra la comunità somala e quella italiana. Sempre nello stesso anno (2003) vince il premio letterario Eks&Tra per la categoria scrittori emigranti con il racconto Salsicce a cui segue un altro racconto, Dismatria, in seguito inseriti in un’antologia a più mani: Pecore Nere 5 , pubblicata per la prima volta nel 2005 . La scelta di questo titolo ripropone un modo di dire, proprio della lingua italiana, che sta 5 E’ un’antologia di racconti di Gabriella Kuruvilla, Igiaba Scego, Ingy Mubiayi Kakese e Laila Wadia, che raccoglie otto storie incentrate sui temi dell’identità. La raccolta, si compone di otto racconti, due per ognuna delle autrici: (Dismatria, Salsicce, di Igiaba Scego; Curry di pollo, Karnevale, di Laila Wadia; India, Ruben, di Gabriella Kuruvilla; Documenti, prego e Concorso, di Ingy Mubiayi Kakese). I racconti si ispirano ad esperienze di vita delle autrici e sono espressione di un’italianità diversa e divisa. Il volume è stato accolto favorevolmente dalla critica e dal pubblico, giungendo nel 2010 alla sesta edizione.

Anteprima della Tesi di Giulia Mormino

Anteprima della tesi: ''Andare avanti, tornare indietro, fermarsi, perdersi.'' La memoria 'inventiva' nella scrittura di Igiaba Scego, Pagina 7

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Giulia Mormino Contatta »

Composta da 92 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1054 click dal 18/10/2013.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.