L'America in Vietnam attraverso la grande stampa italiana, 1967-1968

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 un’emancipazione definitiva dal colonialismo europeo. Come spettri erano sentiti ancora, in America, la perdita della Cina nel 1949 e l’umiliazione della Baia dei Porci a Cuba. Soprattutto la vittoria della rivoluzione guidata da Castro, in un paese distante poche miglia dalla costa della Florida, costituiva la prova evidente che il comunismo continuava a rappresentare un pericolo per la sicurezza nazionale e la stabilità degli Stati Uniti. Se a questa situazione tutt’altro che tranquilla si aggiunge il forte attrito con la Quinta Repubblica del generale De Gaulle 3 , un irrigidimento dei rapporti perfino con la Germania federale a causa della ostpolitik del ministro degli esteri Willy Brandt 4 , le difficoltà economiche che si profilano fin dall’inizio del decennio; si può incominciare a comprendere come il comunismo del piccolo e distante Vietnam potesse assumere un significato effettivamente sproporzionato rispetto alla sua portata effettiva. Esso, infatti, non fu valutato come un fenomeno autonomo, ma venne visto sempre più come l’ultimo atto di un dramma che vedeva il mondo occidentale attaccato da quello comunista. Di conseguenza, resistere in Vietnam diventò una questione di vita o di morte: un fallimento avrebbe determinato il pericoloso tracollo dell’alleanza occidentale e avrebbe spostato gli equilibri politici e strategici a favore dell’Unione Sovietica. La percezione di un “pericolo rosso” era dunque tutt’altro che scomparsa e guidò le scelte dei governi americani nel corso degli anni Sessanta, verso la guerra. Proprio perché la posta in gioco in questo conflitto non era tanto il tipo di assetto politico di un piccolo paese del sud-est asiatico, quanto la credibilità, la potenza, la volontà di un campo 3 A proposito delle difficoltà tra Francia e Stati Uniti, vedi per esempio Andrè Nouschi, La Francia da De Gaulle a Mitterand in Nuove questioni di storia contemporanea, Milano, ed. Marzorati, 1985, pp. 1167-1189. 4 Cfr. Enzo Collotti, Il problema tedesco ieri e oggi: lo sviluppo delle relazioni intertedesche, in Nuove questioni di storia contemporanea, Op. cit., pp. 1032 e ss.

Anteprima della Tesi di Claudia Baccarani

Anteprima della tesi: L'America in Vietnam attraverso la grande stampa italiana, 1967-1968, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Claudia Baccarani Contatta »

Composta da 258 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4749 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 15 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.