Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La Programmazione Neurolinguistica e le decisioni di marketing nel punto vendita

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Introduzione 2 diversi campi di applicazione, grazie a diverse intuizioni dei suoi ricercatori, che ne hanno ampliato gli strumenti che la costituiscono. Questo processo di riadattamento continuo della PNL ha portato diverse persone ad utilizzarla in campi differenti dalla terapia, spostandosi dal più rigoroso campo medico, con l’esempio dell’Ospedale Sacco di Milano, dove è stato istituito un centro di PNL Medica, diretto dal dottor Gnemmi, al campo aziendale, specialmente quello inerente alla comunicazione, più affine agli obiettivi preposti nella tesi. Infatti, nonostante la letteratura inerente alle applicazioni della PNL in campo aziendale non sia tra le più ampie, diversi sono gli studiosi che hanno suggerito che tali applicazioni potrebbero portare dei benefici nel campo aziendale. Tra questi Agness, la quale ha individuato la PNL come strumento per migliorare la comprensione dei consumatori riproponendo il modello del rapport come metodo efficace per l’interazione, in quanto consiste nel creare la fiducia con l’interlocutore nel più breve tempo possibile. Lo studio di Wood sull’efficacia dei venditori capaci di usare gli strumenti della PNL nel punto vendita migliorano la soddisfazione del consumatore. Gli studi di Skinner e Stephens sull’utilità di riconoscere i canali sensoriali preferiti dei segmenti di clientela (PRS) suddivisi in visivi (V), auditivi (A) e cinestesici (K), permetterebbe di indirizzare meglio i messaggi di marketing e di pubblicità riducendo sia le spese di comunicazione che la possibilità di incomprensione da parte dei consumatori. Infine gli studi di Knight, che individuano la PNL come strumento (precisamente il Metamodello) per le interviste qualitative in quanto è capace di individuare la struttura di ciò che pensa l’intervistato, andando oltre le c.d. cancellazioni, distorsioni e generalizzazioni, migliorando la qualità e l’affidabilità delle informazioni estratte, e di Nancarrow et al, che studiano come l’applicazione del ricalco dei PRS possa migliorare la predisposizione degli intervistati a dare maggiori informazioni, e nel caso specifico, a scrivere più parole e righe nelle domande a risposta aperta nelle ricerche di mercato. Inoltre gli studi di Lucchini sulla PNL applicata alla scrittura, aprono le porte alle applicazioni dei suoi strumenti senza la necessaria presenza, in alcuni casi, di un’interazione tra più individui.

Anteprima della Tesi di Paolo Andrea Serra

Anteprima della tesi: La Programmazione Neurolinguistica e le decisioni di marketing nel punto vendita, Pagina 3

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Economia

Autore: Paolo Andrea Serra Contatta »

Composta da 308 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4677 click dal 23/07/2014.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.