Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La capacità e l'incapacità di amare

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

di benessere, tuttavia per alcune persone questa esperienza porta con sé dolore e sofferenza. In questo elaborato ho voluto trattare un argomento, molto discusso e studiato sotto tanti e diversi punti di vista, come la capacità e l’incapacità di instaurare relazioni interpersonali intime, quindi di amare. Il senso comune, la psicologia ingenua, da un lato, ma anche la letteratura scientifica dall’altro, mettono in evidenza come l’esperienza di amare e lasciarsi amare incida diversamente su ogni persona a seconda delle esperienze personali vissute. Riprendendo un concetto dalla celebre opera di Erich Fromm “L’arte di amare” (1996), la maggior parte delle persone pensa di non aver nulla da apprendere riguardo all’amore. Infatti, molti ritengono che amore corrisponda all’azione passiva di essere amati anziché di amare e, di conseguenza, cercano in ogni modo di rendersi amabili; in secondo luogo, molte persone credono che amare in sé sia semplice e che la vera difficoltà risieda nel trovare il soggetto da amare e dal quale venir ricambiati (Fromm, 1996). L’amore può apparire come un concetto scontato, se non addirittura banale, ma durante il mio percorso di studi ho avuto modo di comprendere quanto in realtà sia complesso. Quando ci innamoriamo usciamo da noi stessi per interessarci ad un altro individuo, l’oggetto d’amore, al quale ci interessiamo per la vasta gamma di sentimenti contrastanti che suscita in noi stessi. È una reazione fisiologica, ogni volta, infatti, che ci sentiamo attratti da qualcuno, siamo spinti ad avvicinarci all’ “oggetto” dei nostri desideri perché questo possa colmare i nostri vuoti e i nostri bisogni. Nella prima fase di ogni rapporto l’altro viene idealizzato, vediamo in lui ciò che desideriamo, è il riflesso delle nostre speranze. Tendiamo, perciò, ad avere delle aspettative che si riveleranno illusorie. Quando riusciamo a superare queste illusioni, adattandole alla realtà, e iniziamo a vedere il partner per ciò che è veramente possiamo passare dall’innamoramento ad un rapporto d’amore stabile. Questo procedimento, tuttavia, per molte persone si rivela fallimentare. Scegliere di instaurare un legame stabile con la persona che amiamo e sentirsi appagati da questa esperienza significa mostrare all’altro caratteristiche intime di noi stessi, condividere un percorso bilanciando indipendenza e vicinanza al partner e gestire i sentimenti coinvolti nella relazione è un’esperienza tutt’altro che semplice o scontata. Da queste considerazioni scaturiscono alcune domande su cui ho voluto incentrare il mio lavoro di tesi. Le ragioni sottostanti ai comportamenti degli individui da sempre vengono !5

Anteprima della Tesi di Diletta Venni

Anteprima della tesi: La capacità e l'incapacità di amare, Pagina 3

Laurea liv.I

Facoltà: Psicologia

Autore: Diletta Venni Contatta »

Composta da 83 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1375 click dal 11/11/2016.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.