Il controllo economico di gestione nelle aziende sanitarie

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 1 Il Servizio Sanitario Nazionale dovuto fondarsi il sistema, è stato solo un miraggio e con esso si è anche smarrito ogni proposito di controllo della spesa sanitaria: il primo PSN è stato emanato solo nel 1993. I trasferimenti alle USL, di ripartizione del FSN, si sono sempre rivelati sottostimati e la soluzione ai debiti da esse contratti è stata la copertura integrale delle spese sostenute, a posteriori, “a piè di lista”, indipendentemente dalla produttività delle strutture finanziate. Il ripianamento da parte dello Stato di tutte le spese eccedenti i tetti prestabiliti, si poggiava sul presupposto della non limitabilità della domanda di salute e la non razionabilità delle risorse destinate al suo soddisfacimento. Inoltre, essendo inapplicata qualsiasi forma di programmazione, lo stanziamento del Fondo Sanitario Nazionale, ogni anno, si basava, essenzialmente, sulle spese effettivamente sostenute l’anno precedente, consolidando gli sprechi. L’origine di questo insanabile circolo vizioso stava nell’anteporre la predisposizione degli obiettivi del sistema, alla valutazione delle risorse razionalmente disponibili senza la creazione di squilibri finanziari. Tra la fine degli anni 80’ e gli inizi degli anni 90’, viene fuori, dunque, un quadro dove resistono forti squilibri territoriali e dove la dicotomia fra il costo complessivo dei servizi da attivare e le risorse disponibili, si è allargata.

Anteprima della Tesi di Alberto Nuara

Anteprima della tesi: Il controllo economico di gestione nelle aziende sanitarie, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Alberto Nuara Contatta »

Composta da 224 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 27879 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 93 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.