Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Lo stato di necessità tra teoria e prassi

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

1 CAPITOLO I EVOLUZIONE NORMATIVA E SVILUPPI DOTTRINALI SOMMARIO: 1. Cenni storici. – 2. Natura giuridica dello stato di necessità. – 2.1 La tesi carrariana. – 2.2 La tesi oggettiva. – 2.3 La tesi soggettiva. – 2.4 Le tesi dualistiche. – 2.5 Considerazioni sulla natura giuridica dello stato di necessità. – 2.6 Profili comparatistici dello stato di necessità. – 2.6.1 La doppia previsione del Codice penale tedesco. – 2.6.2 La disciplina del Codice penale austriaco. – 2.6.3 Lo stato di necessità nel Codice penale svizzero. La “doppia valenza” dello stato di necessità. – 3. La rilevanza extrapenale dello stato di necessità. – 4. Cenni sul problema dell’estensione analogica dello stato di necessità. 1. – Cenni storici. Lo stato di necessità, oggi disciplinato dall’art. 54 c.p., è una delle esimenti previste dal nostro Codice penale che suscita particolare interesse non solo per l’evoluzione normativa che ha subìto ma anche per il vivace dibattito dottrinale e giurisprudenziale che nel tempo ha generato. Già all’epoca del diritto romano, erano numerosissime le ipotesi che si prestavano ad essere ricondotte sotto la figura dello stato di necessità senza che da esse potesse, tuttavia, evincersi una ratio unitaria 1 . Il fondamento di queste ipotesi è stato rinvenuto, da un lato, secondo considerazioni di natura soggettiva, sul 1 F. VIGANÒ, Stato di necessità e conflitto di doveri. Contributo alla teoria delle cause di giustificazione e delle scusanti, Milano, 2000, p. 36. Una delle fattispecie più comuni era quella dell’abbattimento di un edificio ad opera del proprietario dell’appartamento vicino, in caso di incendio, per evitare il propagarsi delle fiamme. In questo caso, la non punibilità dell’autore del fatto costituente reato discendeva, secondo le fonti romanistiche, dalla mancanza di dolus malus e dal conseguente venir meno del requisito dell’iniura.

Anteprima della Tesi di Gabriele Bellinghiere

Anteprima della tesi: Lo stato di necessità tra teoria e prassi, Pagina 2

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Gabriele Bellinghiere Contatta »

Composta da 180 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 295 click dal 30/03/2017.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.