Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il principio di buon andamento ex articolo 97 della Costituzione: dal giuridicamente irrilevante all’amministrazione di risultato

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 comincia ad operare non più solo attraverso moduli di diritto pubblico, ma si rapporta con i terzi anche in base a schemi tipici del diritto privato. Si comincia a riorganizzare timidamente la pubblica amministrazione in senso manageriale e privatistico: l’amministrazione che diviene ‘azienda’, il diritto pubblico che si intreccia con quello privato e insieme danno vita ad un nuovo diritto amministrativo. 1.3 – I problemi legati al concetto di pubblica amministrazione. La nozione di pubblica amministrazione è una nozione non solo difficile, ma anche per certi versi sfuggente. Amministrare non è concetto solo giuridico, come ci ricorda Elio Casetta 2 , ma può riguardare qualsiasi soggetto, non solo i pubblici poteri. Si è soliti distinguere tra amministrazione in senso soggettivo, con la quale intendiamo l’organizzazione amministrativa (il complesso di soggetti e uffici e, in generale, le figure organizzative che esercitano attività amministrativa), e amministrazione in senso oggettivo, ovvero l’amministrazione-attività. Di primo acchito, la scarna disciplina che rinveniamo in Costituzione sembra essere dedicata alla prima delle due accezioni. Certo è che è la stessa carta costituzionale a dirci nell’art. 97.3 che, non di pubblica amministrazione, ma di pubbliche amministrazioni dobbiamo parlare. In sostanza, il problema del concetto di pubblica amministrazione non è che non si possa dare una definizione, è che non se ne può dare una unitaria, una con valenza generale. La legislazione nazionale (ma anche quella europea), ogniqualvolta emana una disciplina sulla pubblica amministrazione, ne dà anche una definizione - in genere per elencazione di enti o basandosi sul maggiore o minore grado di pubblicità - sulla base del fine prefissatosi. In altre parole, le 2 G. Napolitano, Digesto, ‘Pubblica amministrazione’, 1997, §6.

Anteprima della Tesi di Eleonora Luciani

Anteprima della tesi: Il principio di buon andamento ex articolo 97 della Costituzione: dal giuridicamente irrilevante all’amministrazione di risultato, Pagina 8

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Eleonora Luciani Contatta »

Composta da 118 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 188 click dal 23/11/2017.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.