Skip to content

Strategie innovative per il contenimento di Pseudomonas syringae pv.actinidiae

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 1.1 GENERALITA’ SULL’ACTINIDIA 1.1.1 CENNI STORICI La pianta del frutto oggi conosciuto come kiwi è originaria della valle del fiume Yangtze (fiume Azzurro) che attraversa numerose province della Cina Centrale. Originariamente chiamato yáng táo, il frutto era conosciuto ed apprezzato per la sua delicatezza e, da almeno 300 anni, veniva raccolto da piante spontanee o coltivato su piccola scala in quel paese. La pianta fu formalmente descritta e denominata Actinidia Chinensis nel 1847 (Planchon, 1847) sulle basi di materiale raccolto anni prima da Robert Fortune, un agente inviato in Cina dalla Royal Horticultural Society di Londra (Cox et al., 1943). Fortune inviò in Inghilterra materiale secco, costituito da foglie e fiori, ma non menzionò il frutto (Ferguson, 1983). Successivamente, nei primi anni del ‘900, il botanico inglese Ernest Henry Wilson, che operava a Yichang, nella provincia di Hubei, inviò semi di Yang Tao raccolti nella provincia di Hupeh alla ”Veitch and Sons Nursery”, allora considerato il più importante vivaio d’Inghilterra. Nel 1904 la pianta del kiwi fece la sua prima apparizione nel catalogo del vivaio Veitch, dove veniva descritta come molto bella, di rapida crescita e in grado di produrre frutti commestibili, con le dimensioni di una noce e dal sapore di uva spina matura. Principalmente a causa della sua caratteristica dioica, la pianta non potè essere valorizzata per la produzione di frutti e venne impiegata esclusivamente a scopo ornamentale (Ferguson, 1983). Nel 1903, il Console Generale americano Levi S. Wilcox che risiedeva ad Hankou (attuale Wuhan, capitale della provincia cinese di Hubei) ricevette alcuni frutti di kiwi provenienti da Yichang e rimase favorevolmente impressionato dal loro sapore che descrisse come una miscela tra uva spina, fico e cedro. Intuendone il potenziale valore commerciale si operò e riuscì ad ottenere nel 1904 alcune piantine, provenienti sempre da Yichang, da inviare allo United States Department of Agriculture. In maniera fortunosa, dopo un lungo viaggio, quattro piantine imballate con muschio e sabbia riuscirono a sopravvivere e raggiungere l’USDA Plant Introduction garden di Chico in California, dove fiorirono per la prima volta nel 1907. Negli anni successivi, da quelle quattro piante furono prodotte e distribuite lungo la costa del Pacifico oltre
Anteprima della tesi: Strategie innovative per il contenimento di Pseudomonas syringae pv.actinidiae, Pagina 2

Preview dalla tesi:

Strategie innovative per il contenimento di Pseudomonas syringae pv.actinidiae

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Daniele Concina
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli Studi di Udine
  Facoltà: Agraria
  Corso: Scienze e tecnologie agrarie, agroalimentari e forestali
  Relatore: Paolo Ermacora
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 80

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

psa
lotta
batteriosi kiwi
contenimento batteriosi
prodotti alternativi

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi