Skip to content

Alla ricerca del padre perduto

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 spietata definita da Zoja “darwiniana”. E’ meno importante che, in società, il padre sia buono come in famiglia, perchØ essere buono, ma perdente, rischia di avere come risultato il fatto che il figlio ritiri la funzione paterna del padre. Il duplice ruolo del padre viene abilmente simboleggiato dal titolo del libro, che rievoca una bellissima immagine presente nel IV canto dell’Iliade, poema epico che canta una guerra scatenata per una bellissima donna, in cui si avverte la presenza della figura forte del padre. Ettore, prima di andare a combattere, torna a casa, abbraccia la moglie Andromaca ma quando tenta di abbracciare il figlioletto Astianatte, lui strilla e si gira dall’altra parte. I due genitori si guardano e capiscono. Il poeta, forse il primo dei grandi psicanalisti, ci fa capire che Ettore, rientrato di corsa, è ancora vestito dalle armi e in lui c’è il maschio guerriero e competitore. Per entrare in casa deve svestire l’armatura, per poi rivestirla il giorno dopo. Il bambino si era spaventato per l’elmo e la chioma rossa. Solo dopo essersi tolto l’elmo può abbracciare il bambino e innalzarlo verso Zeus. E’ nel “gesto di Ettore” che si trova addensato tutto il significato della paternità, mentre nella sua morte, sbranato dai cani e dagli avvoltoi, si scorge “la possibilità di regressione dalla responsabilità all’istinto, e la dissoluzione del progetto paterno” (pag.101). Ettore sa che deve essere forte in battaglia e al contempo tenero e amorevole in famiglia. Riflettendo sulla società attuale, quella che l’autore sembra proporci è l’immagine di una civiltà che ha tendenzialmente cessato di adottare i propri figli e che ha perciò bisogno del “gesto di Ettore, che segna l’istituzione della civiltà, capace di fondare insieme sia il fiume che l’argine” (p.45), cioè avverte la necessità di un recupero del padre in grado di compiere nuovamente un gesto istituente, poichØ l’essere padre è sempre una scelta. L’ autore del libro è Luigi Zoja, nato a Varese nel 1943; si laurea alla fine degli anni Sessanta in economia. Dopo aver condotto numerose ricerche sociologiche, si iscrive all’ Istituto C.G. Jung di Zurigo, presso cui consegue il diploma di psicologo analista e successivamente insegna. Ha lavorato in passato a Zurigo e New York, attualmente lavora a Milano. Ha tenuto corsi presso diverse Università italiane e all’estero. Dal 1984 al 1993 è stato Presidente della CIPA, Centro Italiano di Psicologia Analitica. Dal 1998 al 2001, ha presieduto la International Association for Analytical Psychology (IAAP). Dal 2001 al 2007 è stato Presidente del Comitato Etico internazionale dello IAAP. Partecipa ai principali Festival di cultura italiani e pubblica articoli su vari quotidiani e riviste. I suoi saggi, tra cui Nascere non basta (Raffaello Cortina, Milano 1985) e Il gesto di Ettore (Bollati Boringhieri, 2000) sono tradotti in 14 lingue. Già nel testo Nascere non basta, l’autore mette in evidenza come spesso l’abuso di droga ricalchi inconsciamente gli antichi riti di iniziazione e cerca di analizzare i modelli inconsci che guidano verso la tossicodipendenza. In quanto psicoterapeuta di stampo junghiano, il suo pensiero è
Anteprima della tesi: Alla ricerca del padre perduto, Pagina 3

Preview dalla tesi:

Alla ricerca del padre perduto

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Elisabetta Alberti
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Bergamo
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Scienze e tecniche psicologiche
  Relatore: Alberto Zatti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 27

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

padre
figura paterna
antichità, mito e figura paterna
figura paterna e modernità
storia della figura paterna
evoluzione del padre
figura paterna dalla preisotria ai tempi moderni
padre perduto
padre di oggi
padre ritrovato

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi