Skip to content

Hoda Sharawi e il movimento internazionale delle donne (1919-1947)

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
12 Le interpretazioni del fenomeno fascista Incapacità di comprendere la realtà contingente, dunque, da parte dei “notabili” liberali che avevano guidato il Bel Paese sino a quel momento. Ci troviamo, pertanto, ancora in una situazione fluida; si tenga presente che Benito Mussolini, insediatosi da pochi mesi al Governo nazionale per volontà del sovrano sabaudo d’Italia Vittorio Emanuele III, guida un governo di coalizione 7 : il regime è nato, questo sì, ma non si è ancora consolidato e, soprattutto, non ha ancora gli accenti vetero-conservatori che svilupperà in una fase successiva. A posteriori sappiamo che il fascismo sarà un fenomeno, come ha magistralmente mostrato De Felice, prevalentemente europeo, che proprio dall’Italia prenderà il via: Le sue radici sono infatti tipicamente europee e sono inscindibilmente radicate nel processo di trasformazione della società europea determinato dalla prima guerra mondiale e dalla crisi di trapasso - morale e materiale - ad una società di massa funzionalizzata con nuove forme di integrazione statale, politica e sociale verificatasi un po’ in tutto il continente, ma soprattutto nei paesi che affrontarono tale trasformazione in particolari condizioni di ritardo, di debolezza e di anormalità economiche e politiche 8 . Nell’analisi storica del cattolico Maritain, dopo il Rinascimento e la Riforma il mondo fu vieppiù sconvolto «da energie spirituali potenti e, in verità, mostruose, nelle quali l’errore e la verità si mescolano strettamente e si nutrono luna dell’altro, verità che mentiscono e ‘menzogne che dicono la verità’». Una volta che si spezzò l’unità intellettuale e spirituale della Cristianità, a livello politico ascese prima una reazione assolutistica volta a ricostituire e preservare questa unità, ma col trionfo del razionalismo e del liberalismo anche la barriera assolutistica saltò irrimediabilmente e la vittoria della filosofia della libertà segnò in maniera definitiva la fine di ogni unità spirituale. A questo punto, sempre secondo la ricostruzione del filosofo francese, il liberalismo individualistico risultava una forza puramente negativa, «viveva per l’ostacolo e durava per questo» e, anche nella prospettiva del sorgere di conflitti interni alla società industriale e capitalistica, sorsero reazioni anti-liberali: il fascismo, appunto, ma anche il comunismo nell’ottica di Maritain 9 . Per Croce, altresì, il fascismo «non fu escogitato né voluto da alcuna singola classe sociale, né da una singola di queste sostenuto», ma «fu uno smarrimento di coscienza, una depressione civile e una ubriacatura, prodotta dalla guerra». In secondo luogo questo smarrimento e questa ubriacatura non furono solo un fatto italiano, ma di quasi tutti i popoli che avevano partecipato al Primo conflitto mondiale 10 . Il rapporto tra Catt e Mussolini Ma questo futuro nei giorni del congresso non era ancora prevedibile. Tuttavia, già il presente aveva una caratura negativa: l’Italia usciva da una serie di violenze, per lo più perpetrate dalle camicie nere, che avevano attraversato l’intera Penisola, con aggressioni squadriste a sedi e a personalità politiche, sindacali, giornalistiche e intellettuali. Carrie Chapman Catt fu testimone 7 Aderivano alla coalizione il Partito popolare, il Partito liberale, nazionalisti e indipendenti 8 R. De Felice, Le Interpretazioni del Fascismo, Roma, Laterza, 1969, p. 22 9 J. Maritain, Humanisme Intégral (cit. in, R. De Felice, Le Interpretazioni del Fascismo, p. 77) 10 R. De Felice, Le Interpretazioni del Fascismo, p. 29
Anteprima della tesi: Hoda Sharawi e il movimento internazionale delle donne (1919-1947), Pagina 9

Preview dalla tesi:

Hoda Sharawi e il movimento internazionale delle donne (1919-1947)

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Lorenzo Proia
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Scienze Umanistiche
  Corso: Storia e Società
  Relatore: Daniela Rossini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 284

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

benito
mussolini
egitto
ipazia
carrie
ester
lombardo
sharawi
hoda
catt

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi