Skip to content

Immigrazione: aspetti economici e sociali

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
6 zone dell'Europa centrale e settentrionale, indotta dall'inizio della pratica dell'agricoltura come principale modo di sostentamento, che sostituì in buona parte le abitudini di caccia e di raccolta della frutta. La stabilità favorì la crescita demografica per il maggior controllo delle risorse per la nutrizione, la formazione delle prime organizzazioni sociali e la pratica di primi scambi commerciali. Se vi furono migrazioni, esse possono spiegarsi con la ricerca di terre fertili e di materiali per la fabbricazione di attrezzi per la coltivazione. I primi mercati ebbero come oggetti di scambio proprio questi arnesi, ove chi acquistava e vendeva era agricoltore o artigiano. A tale periodo si riconducono flussi migratori dal Medio Oriente verso il Sud-est dell'Europa, nell'area bagnata dal Mar Egeo, mentre alcuni gruppi si spinsero sino al Nord Europa, in particolare vi furono prime colonizzazioni nei pressi del Danubio, tra l'8.000 e il 4.000 a.C. La seconda fase va dalla transizione del Neolitico sino alla Rivoluzione industriale. Nel 2.000 a.C. circa ci furono probabili movimenti migratori partiti dalle steppe asiatiche, a lunga distanza e in varie direzioni, per ragioni diverse e incerte, come la pressione demografica, la ricerca di pascoli, le variazioni climatiche. Un flusso migratorio importante fu quello dei popoli noti per l'uso di un vaso campaniforme in metallo, poichØ essi contribuirono molto alla diffusione delle lavorazioni di questo materiale nell’Europa settentrionale e centrale, dato che le direzioni degli spostamenti partivano dalla penisola iberica e si dirigevano a nord verso la Gran Bretagna, i Paesi Bassi e la Repubblica Ceca. A partire dal 1.200 circa, movimenti di popolazione a carattere guerriero aventi origine perlopiø dal bacino danubiano condussero al tracollo la potenza micenea, alla distruzione dell’Impero ittita e all’invasione dell’Egitto. L’uso del cavallo come animale da sella sembrerebbe acquisito dall’inizio dello 800 a.C. nelle steppe dei dintorni del Mar Nero: questa innovazione avrebbe comportato uno sviluppo del nomadismo e delle attività pastorali ai danni dell’agricoltura, favorito anche dagli ennesimi mutamenti climatici. La storia ripropone numerosi episodi di migrazioni, di natura ed effetti differenti. Basti pensare che gli spostamenti di persone nell'area mediterranea durante la metà dell’800 a.C. sino alla fine del 600 a.C. contribuirono al processo di colonizzazione greca lungo le coste del Mediterraneo, in particolare nel sud Italia, nella Gallia e nella penisola iberica meridionale, ma anche sulle coste del Mar Nero. Difatti, verso il 700 a.C., l'area greca si sviluppò piø velocemente del resto d'Europa, anche grazie all'organizzazione amministrativa in polis, che non ebbero solo funzione politica, ma furono pure centri di commercio. L'economia greca si basava in buona parte sull'utilizzo di schiavi provenienti dalle zone conquistate, e poichØ il sistema delle polis era di fatto un'oligarchia, molti
Anteprima della tesi: Immigrazione: aspetti economici e sociali, Pagina 8

Preview dalla tesi:

Immigrazione: aspetti economici e sociali

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Elvira Ciociano
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Salerno
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze dell'economia
  Relatore: Gianluigi Coppola
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 201

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi