Skip to content

La legislazione anti-terrorismo nel Regno Unito tra sicurezza pubblica e tutela dei diritti umani

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
compare per la prima volta nel 1798 in un supplemento del Dictionnaire dell'Académie française 6 , tuttavia, venne introdotto nell'accezione di terrore 7 , per indicare i metodi repressivi e gli abusi del potere rivoluzionario. Infatti, durante il governo rivoluzionario, Robespierre, governò la Francia attraverso la strategia della paura. Dunque, il suo utilizzo non corrispondeva all'uso che ne facciamo oggi per riferirci ai movimenti clandestini la cui azione solitamente è rivolta nei confronti del governo di uno o più Paesi, con il fine di sovvertire l'ordine politico e sociale costituito. Il terrorismo trova una nuova fase nel populismo della seconda metà dell'ottocento (“Zemlja i volja” e “Narodnaja volja”, con l'assassinio dello zar Alessandro II l'1 Marzo 1881) 8 . Con il finire del XIX secolo, dopo gli attentati in Russia, vi è una mutazione nel significato di terrorismo, la parola che inizialmente veniva adottata per indicare un governo fondato su terrore o il terrore organizzato dallo Stato, si trasforma per indicare, in generale, il terrore esercitato da un individuo o un gruppo di individui contro lo Stato. Durante gli anni sessanta e settanta, si viene a formare un nuovo tipo di terrorismo, quello nazionalista, il cui fine era la realizzazione dell'indipendenza della nazione in cui agiva. È proprio all'interno di questi movimenti che si sono sviluppati gruppi di combattenti 9 , che utilizzavano le tecniche proprie del terrorismo, soprattutto dinamitardo 10 . Inoltre i quei anni, i terroristi, fecero un forte uso dei dirottamenti aerei, portando la comunità internazionale e le Nazioni unite ad adottare una serie di nuove convenzioni a favore di un maggior controllo all'interno degli aeroporti. Tuttavia, tali convenzioni dimostrarono, già negli anni settanta, che le norme internazionali non erano sufficienti per contrastare il terrorismo, di fatto, era necessario che le stesse fossero recepite all'interno degli ordinamenti statali unitamente a strategie di prevenzione più efficaci. Durante gli anni ottanta dello stesso secolo, il terrorismo assume una dimensione globale, un'enorme spinta in tal senso è stata data, soprattutto, dal facile accesso ai capitali 11 . È proprio in 6 L.Bonanate, Terrorismo Internazionale, Giunti Gruppo Editoriale, Firenze, 2005. 7 E. Gross, Legal Aspect of Talcking Terrorism: The Balance between the Right of a Democracy to Defend Itself and a Protection of Human Rights, 6 UCLA J. Int'l & Foiregn Aff.89, 168 (2001), in HEINONLINE, reperibile all'indirizzo https://law.haifa.ac.il/images/Publications/EmanuleGrossLegalAspectso.pdf. 8 L.Bonanate, Dimensione del Terrorismo Politico, Franco Angeli editore, Milano, 1979. 9 Si ricordi, tra i movimenti terroristici, che hanno caratterizzato l'età contemporanea: in Europa, l'organizzazione rivoluzionaria interna macedone (ORIM), il gruppo “Unione o morte” in Serbia, il movimento del Sinn Fein nell'Irlanda del Sud, gli Ustascia jugoslavi, l'Oas, l'ETA basca, l'IRA nord-irlandese, il gruppo Baader-Meinhof, i NAP, le Brigate Rosse in Italia; negli Stati Uniti d'America i Black Panthers, Ku-Klux-Klan, i Tupamaros in Uruguay, L'Erp in Argentina, Pinochet in Cile; in Medio Oriente il terrorismo ebraico dell'Irgun e della banda Stern, il terrorismo cipriota dell'Eoka; in Africa il terrorismo algerino, la lotta anticolonialistica dei Mau-mau. In L.Bonante, Dimensione del Terrorismo Politico, Franco Angeli editore, Milano, 1979. 10 Durante gli anni '60 e '70 ci fu una grande diffusione del terrorismo. Il terrorismo venne utilizzato in due eccezioni diverse: quella interna, per indicare i movimenti che, con motivazioni ideologiche o indipendentiste, miravano a destabilizzare l'ordine di uno Stato; mentre quella esterna, per indicare quei movimenti che, attraverso attentati e dirottamenti, intendevano colpire le scelte politiche estere prese dai vari Stati, in C. Di Stasio, La lotta multilivello al terrorismo internazionale, Giuffrè Editore, S.p.A., Milano, 2010. 11 E.C. Del RE, Terrore e Terrorismo Internazionale. Breve excursus storico e tentativo di definire l'attualità, in Rivista di Studi Politici Internazionali, vol.73, n. 4, 2006. 13
Anteprima della tesi: La legislazione anti-terrorismo nel Regno Unito tra sicurezza pubblica e tutela dei diritti umani, Pagina 9

Preview dalla tesi:

La legislazione anti-terrorismo nel Regno Unito tra sicurezza pubblica e tutela dei diritti umani

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giovanni Zaccagnino
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Relazioni Internazionali
  Relatore: Giulia Caravale
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 181

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

human rights
counter terrorism
united kingdom
terrorism act 2000
anti-terrorism, crime and security act 2001
investigatory powers act 2016
counter-terrorism and security act 2015
justice and security act 2013
terrorismo nel regno unito
terrorismo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi