Skip to content

L'Impero del Brasile: una Monarchia americana

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
8 I Capitolo: LE ORIGINI DELLA SCOPERTA DEL BRASILE 1.1 La Lusitania La Repubblica del Portogallo deve la sua storia e le sue origini ai Lusitani un popolo di pastori, che anticamente, risiedeva in un’ampia regione della penisola iberica, delimitata dai fiumi Tago e Duero, chiamata appunto Lusitania. La Lusitania come quasi tutto il resto della penisola iberica sin dal 218 a.C. era sotto il controllo dell’Impero Romano. Le terre comprese tra le coste mediterranee e la valle del Guadalquivir ne delineavano il confine e tutti i popoli che si trovavano al di fuori di questa demarcazione erano stati alleati dei Cartaginesi nel corso delle storiche guerre puniche. 1 Quest’ultimi accettarono la dipendenza da Roma, cosicché ogni formale atto di rottura avrebbe significato un accenno di ribellione. Nel 193 a.C., i Lusitani insieme ad i Cartaginesi tentarono vanamente di invadere l’Andalusia, un zona costiera ricadente nell’attuale Regno di Spagna, dando inizio così a numerosi focolai di guerra che si protrassero per anni, esattamente fino alla nomina di Governatore della Hispania Citerione 2 del Console Tiberius Sempronius Gracchus. 3 Gracco infatti attuò una politica di accordi tra lui ed i popoli ispanici, che regolavano gli obblighi e tributi, da quelle terre verso Roma. La politica del Console fu un successo perché “per la mentalità romana l’assunzione di un qualsiasi impegno verso coloro che erano considerati propri sudditi e per di più barbari era quasi inimmaginabile” 4 ed assicurò all’Impero un quarto di secolo di pace. Infatti tra il 155 e 154 a.C., le numerose rivolte e ribellioni dei Lusitani si trasformarono in una vera e proprio guerra, che impegnò in maniera ardua le legioni romane. La fine delle ostilità fu decretata dal Governatore Servius Sulpicius Galba, 5 che dopo aver raggiunto una tregua, sigillata da un accordo formale con cui si impegnava nell’assegnare ai Lusitani delle terre fertili da coltivare, invitò i ribelli ad abbandonare le fortezze montane per scendere in pianura, ma una volta effettuata la discesa a valle, Galba non rispettò più la parola data ed ordinò ai suoi soldati di compiere una carneficina. 1 Furono tre grandi Battaglie tra i Romani e i Cartaginesi, chiamati punici dai primi, combattute tra il III ed il II secolo a.C, che si conclusero con il successo di Roma ed il conseguente dominio nel Mediterraneo. 2 La Hispania fu divisa dai Romani in due provincie la Citerione (Catalogna e Valencia) con capitale Terragona e la Ulteriore (Andalusia) con capitale Cordoba. 3 Tiberio Sempronio Gracco (220 a.C. - 54 a.C.), fu militare e console della Repubblica Romana. 4 ZIOLKOWSKI A., “Storia di Roma”, Mondadori, Milano, 2010, p. 150. 5 Servio Sulpicio Galba (190 a.C. - 135 a.C.), fu militare e Console della Repubblica Romana.
Anteprima della tesi: L'Impero del Brasile: una Monarchia americana, Pagina 5

Preview dalla tesi:

L'Impero del Brasile: una Monarchia americana

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Francesco Mazzarelli
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2017-18
  Università: UniCusano - Università degli Studi Niccolò Cusano
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Relazioni internazionali
  Relatore: Silvio Berardi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 169

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

brasile
teresa cristina maria di borbone
pedro i
pedro ii
“le noites das garrafadas”
libero gadaro'
“inconfidencia mineira”
“conjuracão baiana”
le grandi scoperte geografiche

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi