Skip to content

Instabilità dei mercati finanziari: lezioni dalla crisi dei mutui subprime

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
1.Introduzione alla crisi finanziaria 3 1.Introduzione alla crisi finanziaria 1.1 La domanda della Regina “Com'è possibile che nessuno si sia accorto che stava arrivandoci addosso questa crisi spaventosa?” Se non fosse stato per il contesto particolare e per gli ancor più speciali protagonisti della discussione, questa domanda potrebbe essere classificata come una banalità o una provocazione, niente di più. Ma visto che a porre il quesito è stata la Regina Elisabetta II di Inghilterra e le persone a cui lo ha rivolto nel novembre del 2008, in seguito allo scoppio di una crisi finanziaria ed economica di portata mondiale, sono gli accademici della prestigiosa London School of Economics, di banale c’è molto poco. L’economista è nudo e a farglielo notare è un Sovrano. Così, nei mesi successivi, diversi studiosi ed economisti illustri cercarono di formulare una risposta che potesse essere all’altezza della domanda. La prima risposta ufficiale si fece attendere ed arrivò soltanto il 22 luglio del 2009, giorno in cui i professori Tim Besley e Peter Hennessy, membri della British Academy, inviarono una lettera alla Regina. 1 Secondo loro la crisi era stata prevista da molti; erano le tempistiche e la ferocia che avrebbe assunto a risultare elementi mancanti. Di avvertimenti sugli squilibri nei mercati finanziari e nell'economia globale ce ne erano stati, ma la difficoltà era vedere il rischio per il sistema nel suo complesso: i calcoli di rischio sono stati spesso limitati a fette di attività finanziarie, perdendo di vista il quadro nel suo complesso. Contro coloro che avevano avvertito qualcosa c’era però la maggioranza, convinta che le banche sapessero cosa stavano facendo e che gli esperti di finanza avessero trovato nuovi e intelligenti modi di gestire i rischi. 1 Lettera indirizzata alla Regina del Regno Unito Elisabetta II, scritta da Tim Besley e Peter Hennessy il 22 luglio 2009, sulla base delle idee esposte nel dibattito “The Global Financial Crisis – Why Didn’t Anybody Notice?”, tenuto presso la British Academy il 17 giugno 2009. Al dibattito hanno partecipato: Professor Tim Besley, Professor Christopher Bliss, Professor Vernon Bogdanor, Sir Samuel Brittan, Sir Alan Budd , Dr Jenny Corbett, Professor Andrew Gamble, Sir John Gieve, Professor Charles Goodhart, Dr David Halpern, Professor José Harris, Mr Rupert Harrison, Professor Peter Hennessy, Professor Geoffrey Hosking, Dr Thomas Huertas, Mr William Keegan, Mr Stephen King, Professor Michael Lipton, Rt Hon John McFall, Sir Nicholas Macpherson, Mr Bill Martin, Mr David Miles, Sir Gus O’Donnell, Mr Jim O’Neill, Sir James Sassoon, Rt Hon Clare Short, Mr Paul Tucker, Dr Sushil Wadhwani, Professor Ken Wallis, Sir Douglas Wass Mr James Watson, Mr Martin Weale, Professor Shujie Yao.
Anteprima della tesi: Instabilità dei mercati finanziari: lezioni dalla crisi dei mutui subprime, Pagina 4

Preview dalla tesi:

Instabilità dei mercati finanziari: lezioni dalla crisi dei mutui subprime

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Patrizia Mastropietro
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2016-17
  Università: Università degli Studi dell'Aquila
  Facoltà: Economia
  Corso: Amministrazione, economia e finanza
  Relatore: Marco Valente
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 99

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

cartolarizzazione
strumenti finanziari derivati
mutui subprime
npl
crisi debiti sovrani
students loan
economia mainstream
proprietà emergenti

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi