Skip to content

Geotermia per la climatizzazione: analisi del test di risposta termica e ruolo della componente geologica per un impinanto a sonde verticali ubicato nella città di grosseto

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
8 Considerando che la sorgente termica del sistema è connessa al raffreddamento di plutoni granitici di età plio-pleistocenica (Dini et alii, 2005), l'orizzonte K potrebbe corrispondere alla fascia di intrusione del plutone pleistocenico entro il più antico granito pliocenico (Bertini et alii, 2006). Lo studio dell’orizzonte K suscita attenzione poiché, come per altri orizzonti riflettenti, potrebbe essere sede di accumulo di geofluidi ad alta pressione (Bertini et alii, 2006; Casini et alii, 2009). Dal punto di vista idrogeologico, sembra che la maggior parte della ricarica provenga dall’evaporazione delle falde adiacenti al sistema geotermico a cui si va ad aggiungere la re-iniezione del geofluido estratto garantendo, tramite la combinazione dei due processi, uno sfruttamento, sostenibile nel tempo (Romagnoli et al.,2010). L’area esplorata nel campo di Travale-Radicondoli è di circa 50 km 2 con 29 pozzi che permettono di estrarre vapore surriscaldato ad una temperatura variabile tra i 200 e i 250 °C e una pressione che raggiunge 20 bar (Razzano e Cei, 2015). Il contenuto dei gas non condensabili (biossido di carbonio) varia dal 4 all’8% in peso. L’area esplorata nel campo di Larderello-Lago è circa 250 km 2 con 200 pozzi che erogano vapore surriscaldato che raggiunge i 270° e 18 bar. Il contenuto dei gas non condensabili varia dall’1 al 15% in peso. La sostenibilità delle risorse in questa zona è garantita da due principali strategie: la re- iniezione del liquido prodotto dalla condensazione del vapore in uscita dalle turbine, che dal 1978 ha permesso di aumentare sia la produzione che la pressione del vapore, e la perforazione profonda che ha messo in luce la presenza di strati permeabili nel basamento metamorfico a circa 3500 metri di profondità, in cui la temperatura e la pressione del geofluido valgono, rispettivamente, 35 °C e 70 bar. Le informazioni acquisite con le perforazioni e le prospezioni geofisiche indicano che i due campi geotermici sopra descritti si fondono in un unico grande sistema profondo avente un’estensione di 400 km 2 . 1.4.2 Zona geotermica meridionale L’area meridionale comprende i campi geotermici distinti di Piancastagnaio e Bagnore (rispettivamente a sud-est e sud-ovest del complesso vulcanico del Monte Amiata), individuati dal 1958 tramite pozzi che producevano geofluido proveniente da serbatoi carbonatici superficiali (Barelli et alii, 2010). Solo alla fine degli anni ’70 del secolo scorso fu avviato un programma di esplorazione profonda che rivelò, anche in questo caso, la presenza di un basamento metamorfico fratturato a profondità comprese tra 2500 e 4000 metri. A queste profondità il geofluido è prevalentemente liquido ad una temperatura compresa tra 300 e 350 °C e pressione di 200 bar. A causa dell’estrazione e la conseguente ebollizione durante la risalita, il fluido diviene una miscela bifase (vapore e liquido) con una pressione che è 1/10 di quella iniziale. Fase vapore e fase liquida vengono separate e poi convogliate, rispettivamente, alla centrale elettrica ed ai pozzi di re-iniezione.
Anteprima della tesi: Geotermia per la climatizzazione: analisi del test di risposta termica e ruolo della componente geologica per un impinanto a sonde verticali ubicato nella città di grosseto, Pagina 4

Informazioni tesi

  Autore: Antonio Berardi
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi di Siena
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Scienze geologiche
  Relatore: Enrico Tavarnelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 127

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

geotermia
grosseto
borehole heat exchanger
sonde geotermiche verticali
test risposta termica
trt
sorgente termica lineare infinita
sorgente termica cilindrica infinita
inquadramento geologico toscana
geotermia bassa entalpia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi