Skip to content

Il Regolamento UE 2016/679 e il bilanciamento tra diritti degli interessati e obblighi dei titolari del trattamento

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
La costituzione del diritto alla privacy negli Stati Uniti e in Europa 8 numero minore di persone 1 . Ma fu con l’avvento della borghesia in Europa che nacque un concetto di privacy più vicino a quello come inteso nella società contemporanea occidentale; nelle campagne, tuttavia, la vita rimase molto simile a quella medievale, quando sfera pubblica e privata non potevano essere separate: la privacy rimaneva un privilegio delle classi più abbienti 2 . Verso la fine del 1700, la privacy iniziò ad avere una connotazione giuridica simile a quella moderna. Nel 1773, Lord Chatham 3 , durante un dibattito sull’uso delle garanzie pronunciò davanti al Parlamento inglese questa affermazione: “…il più povero degli uomini può, nella sua casetta lanciare una sfida opponendosi a tutte le forze della corona. La casetta può essere fragile, il suo tetto può essere traballante, il vento può soffiare da tutte le parti, la tempesta può entrare e la pioggia può entrare, ma il re d’Inghilterra non può entrare; tutte le sue forze non osano attraversare la soglia di tale casetta in rovina 4 ». Questo dimostra che la privacy nell’ Europa illuminista veniva concepita come la capacità della persona di opporsi alla Corona, di porre dei limiti all’azione dello Stato e delle autorità pubbliche nei confronti dell’individuo 5 . Il primo vero interesse giuridico riguardo alla questione della privacy vi fu alla fine del XIX secolo, nel periodo in cui la borghesia statunitense era all’apice del suo sviluppo. Due avvocati, Samuel Warren e Louis Brandeis, pubblicarono un saggio intitolato “Right to Privacy” sulla Harvard Law Review il 15 dicembre 1890. Il loro lavoro ha avuto origine a causa dell’attenzione eccessiva dei giornali nei confronti della vita mondana della moglie di Warren, portando i coniugi a citare in giudizio i giornali per l’invasione eccessiva nella loro vita privata. Essi rifletterono su quali dovessero essere le informazioni di interesse pubblico e quando queste informazioni dovessero cessare di essere considerate tali 6 . Secondo Warren e Brandeis, il problema nasceva a causa dell’avvento delle nuove 1 Ibidem. 2 Ibidem. 3 William Pitt, 1st Earl of Chatham, (15 novembre 1708 – 11 maggio 1778) era un uomo di stato britannico del gruppo Tory che guidò il governo della Gran Bretagna due volte a metà del XVIII secolo. Gli storici lo chiamano Pitt di Chatham, o William Pitt il Vecchio, per distinguerlo da suo figlio, William Pitt il Giovane, che era anche un primo ministro. Vedi https://www.biography.com/people/william-pitt-1st-earl-of-chatham- 21388995. 4 Vedi The Elder Lord Chatham, discorso del marzo 1763, citato in H.P. Brougham, Historical Sketches of Statesmen Who Flourished in the Time of George III, Charles Knight e co., Londra 1839, vol. I, p.52. 5 Mariella Immacolato, Bioetica e Privacy: la cultura dei diritti individuali in sanità, Relazione presentata al Convegno 'Privacy e diritto alla salute' - Casciana Terme (PI) 24/25 ottobre 2002, reperibile al link di seguito https://www.privacy.it/archivio/ccasciaimmacolato.html. 6 M. Iaselli, Storia della privacy, cit. p. 27-28.
Anteprima della tesi: Il Regolamento UE 2016/679 e il bilanciamento tra diritti degli interessati e obblighi dei titolari del trattamento, Pagina 9

Preview dalla tesi:

Il Regolamento UE 2016/679 e il bilanciamento tra diritti degli interessati e obblighi dei titolari del trattamento

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Valentina Scanu
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi di Parma
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Armando Barani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 130

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

privacy
responsabilità
dati personali
trattamento
diritti
titolari
regolamento europeo
adempimenti
interessati
regolamento 679/2016

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi