L'euro: aspetti psicosociali dell'introduzione della moneta unica europea

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

4 INTRODUZIONE Nel gennaio del 1999 l’Europa è entrata in uno scenario completamente nuovo, che assumerà la sua veste definitiva nel 2002: queste date segnano la nascita e l’attuazione dell’Unione Economica e Monetaria, una “svolta storica”, un “progetto al limite dell’utopia” e un “traguardo senza precedenti” 1 . Il cambiamento più saliente, che tocca in prima persona tutti i cittadini dei paesi aderenti all’Unione Monetaria, è l’introduzione della Moneta Unica Europea, l’euro, adottata dagli 11 Stati membri a partire dal gennaio 1999. Il nome euro è stato deciso dai capi di Stato e di governo dell’Unione Europea in occasione del Consiglio europeo di Madrid del dicembre 1995, e questa nuova unità di valore economico, erede dell’ECU, è il simbolo più evidente del tentativo di unificare i governi e le nazioni europee 2 . L’introduzione dell’euro è, per le sue dimensioni e la sua importanza, un esperimento senza precedenti: esperimento economico e politico, certo, ma perché non anche psicologico? Nel presente studio si cercherà infatti di dimostrare che l’euro non è un fenomeno esclusivamente economico e finanziario, poiché avrà pure delle ricadute sul comportamento delle persone. E’ quindi un fenomeno da considerare anche in un’ottica sociale e psicologica. Nonostante questo, tutto il pensiero intorno all’euro sembra caratterizzato da considerazioni puramente economiche e politiche. La letteratura economica sull’argomento, in effetti, è decisamente abbondante: è sufficiente scorrere la bibliografia delle opere più note già dedicate alla moneta unica 3 per farsi un’idea della quantità di pubblicazioni disponibili. La letteratura psicologica sull’argomento è invece praticamente assente. È vero che il denaro, come si vedrà nel capitolo I, non è mai stato al centro degli interessi delle scienze del comportamento, ma si può costatare, non senza un certo sconforto, che 1 Così definita da Carlo Azeglio Ciampi, autore di un articolo di fondo su Il Sole 24 Ore del 2-1-99. 2 Le tappe politiche ed economiche che hanno permesso di giungere a questo traguardo sono riportate e sviluppate nell’appendice I. 3 Si veda per esempio T. Padoa Schioppa (1992), “L’Europa verso l’Unificazione monetaria”; L. Paolazzi (1997), “Euro”; D. Currie (1997), “The pros and cons of EMU”.

Anteprima della Tesi di Edoardo Lozza

Anteprima della tesi: L'euro: aspetti psicosociali dell'introduzione della moneta unica europea, Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Edoardo Lozza Contatta »

Composta da 118 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5416 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.