Skip to content

Per un modello di sviluppo della Calabria fondato sull'ecoturismo

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
20 Fulc (Federazione unitaria lavoratori chimici), nella completa illegalità (basti pensare che Crotone, da sempre “bandiera blu”, è ora considerato inquinato), nonostante costino alla collettività vari miliardi. 3 1.2 Storia dell’economia calabrese La storia documentata dell’economia calabrese riguarda solo una parte della storia della vita di questa terra antichissima. Infatti, dopo la scoperta di schegge di selce e fauna fossile nella grotta di Torre Talao a Scalea, in provincia di Cosenza, risalente al periodo Neanderthaliano ( 600.000 – 300.000 anni fa), e del graffito raffigurante due buoi nella grotta del Romito di Papasidero, sempre in provincia di Cosenza, risalente al Paleolitico (120.000 – 9.000 anni fa) 4 , si può dire che l’evoluzione dell’abitante di questa terra ha attraversato tutte le tappe fino all’età moderna. Da cacciatore e pescatore ad agricoltore, dalla vita nomade a quella sedentaria, superando tutte le rivoluzioni climatiche ed ecologiche che hanno attraversato la Calabria. I popoli calabresi, già nella tarda età del bronzo, conoscevano alcune tecniche di colture con l’utilizzo di utensili primordiali, ma il vero input allo sviluppo economico della Calabria fu dato dai mercanti egeo-micenei, che portarono innovazioni in agricoltura, nelle tecniche della navigazione e del commercio. Infatti è proprio di questo periodo lo sviluppo economico della sibaritide che, grazie al commercio di olio e vino effettuato per vie acquee (a suo tempo anche le fiumare oggi inaridite erano navigabili), diventa un modello di sviluppo per il Mezzogiorno, documentato anche dalle gare fra i Sibariti in ogni genere di lusso. Le flotte militari e mercantili costituivano le basi della potenza e della floridezza dell’intero stato. A dimostrazione di questo si ricordano i numerosi casi in cui anche Roma chiedeva l’aiuto delle flotte crotonesi e locresi. Oltre alla fioritura del commercio della lana a Sibari e del bronzo a Reggio, l’agricoltura e le altre attività commerciali portarono un rapido progresso a tutte le zone della Regione. Quando i greci arrivarono in Calabria, ebbero davanti ai loro occhi una splendida regione che, grazie all’azione di difesa dei boschi, aveva resistito a diversi periodi di erosione, sempreverde e pianeggiante come le piane del Crati, di Crotone e di Gioia Tauro, dove si avviò urgentemente l’attività agricola, che fu quindi la principale fonte di ricchezza di queste zone, dovuta anche alla navigabilità interna. Dal punto di vista finanziario, tributario e amministrativo, i coloni, dopo aver risolto problemi logistici di ricovero e di alimentazione, dovettero fronteggiare le esigenze di un’edilizia pubblica monumentale, di forme di culto costose, del mantenimento di un esercito e di una flotta efficienti. Si resero necessarie quindi una serie di imposte che, dopo aver reso consapevole la collettività, vennero applicate sulla proprietà, sotto forma di dazi, pedaggi, tasse sui mercati e sulle vendite. Nonostante ciò, queste entrate si rivelarono insufficienti alle esigenze della polis, tanto da coinvolgere 3 Dati riportati da IL Sole24Ore, Ministero della Sanità, Fiulc. 4 Cingari G. (1988), Storia della Calabria, Gangemi Editore, Reggio Calabria.
Anteprima della tesi: Per un modello di sviluppo della Calabria fondato sull'ecoturismo, Pagina 14

Preview dalla tesi:

Per un modello di sviluppo della Calabria fondato sull'ecoturismo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Francesco Longo
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2000-01
  Università: Università degli Studi della Calabria
  Facoltà: Economia
  Corso: Discipline Economiche e Sociali
  Relatore: Matteo Marini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 149

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi