Skip to content

Per un modello di sviluppo della Calabria fondato sull'ecoturismo

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
14 Passiamo adesso a descrivere brevemente la fauna presente in Calabria, partendo dal graffito ritrovato nella Grotta del Romito di Papasidero, raffigurante un grosso bue e risalente a circa dieci mila anni fa; era l’epoca di grandi mandrie di cervi, daini, caprioli, cinghiali, camosci, stambecchi, ma anche orsi, linci, lupi. Addirittura fino agli inizi del secolo scorso era presente in alcune zone del Mar Ionio la foca monaca. Ma la grande varietà di animali, dovuta anche alle forti differenze climatiche e ambientali interne e litoranee, si manifesta ancora oggi in molte località della regione. Tra i monti e le foreste, in particolare in Sila, anche se è recente qualche avvistamento in Aspromonte, mitico è il mistero del lupo, circondato da leggende e racconti. Un predatore dalle orecchie a punta, gli occhi gialli, la folta pelliccia, che si nutre prevalentemente di avanzi di cibo presenti nelle discariche, essendo sempre più rare le sue prede naturali. Di tutti i cuccioli del branco pochi sopravvivono, e ancora meno riescono a riprodursi. Accanto al lupo incontriamo la martora, simile ad un gatto, solitario, si nutre di mammiferi. Altri predatori come il tasso, il gatto selvatico, la volpe, la faina, sono presenti in tutto il territorio regionale. Ma il triste primato di rarità spetta al capriolo, per il quale, oltre ad esserne sempre più probabile la scomparsa, ne è minacciata anche l’autenticità, visti gli accoppiamenti con altre specie. Poco frequenti sono anche il cervo e il daino, mentre è ancora forte la presenza del cinghiale, diffuso in tutta la regione, come anche la lepre, nonostante il continuo prelievo venatorio. La loro presenza estesa è anche da attribuirsi alla capacità di adattarsi a diversi tipi di clima e nutrizione. Ma a popolare le foreste calabresi non mancano scoiattoli e ghiri, questi ultimi soggetti a bracconaggio per la prelibatezza della loro carne. I volatili più importanti sono l’aquila reale, che domina i cieli sovrastanti il Massiccio del Pollino, l’aquila del Monelli, presente in Aspromonte, l’astore, lo sparviero e il gufo reale. Altri rapaci che trovano habitat in Calabria sono l’allocco, la civetta, il barbagianni, il gufo comune. Noto per la sua velocità è il falco pellegrino. Ma i cieli calabresi sono abitati da nibbi reali, corvi imperiali, picchi neri. Ultimo, ma non per importanza, animale degno di nomina quale abitante delle foreste è la vipera, anch’essa come il lupo avvolta da luoghi comuni che la fanno apparire un pericolosissimo rettile. In realtà la vipera è un animale abbastanza timido, che usa il morso solo come difesa. Allontanandoci dalle foreste e spostandoci verso ambienti più umidi, troviamo la lontra, in via d’estinzione in Calabria per diversi motivi, si nutre prevalentemente di pesci ed esce allo scoperto soprattutto di notte. Le zone nei pressi di fiumi e laghi (quei pochi che ci sono) sono popolate da diverse specie di uccelli e rettili come l’airone bianco, l’airone rosso, il germano reale, rospi e tritoni. Numerose sono le varietà di insetti in tutto il territorio: coccinelle, api, vespe, lucciole, cicale. Trattiamo infine della fauna dei fondali marini, caratterizzata da organismi come coralli, madrepore, crostacei e pesci di piccolo taglio, tra i quali è sempre più frequente avvistarne di tropicali, data la temperatura sempre più alta delle acque del Mediterraneo. Non è comunque insolito constatare in parti più
Anteprima della tesi: Per un modello di sviluppo della Calabria fondato sull'ecoturismo, Pagina 8

Preview dalla tesi:

Per un modello di sviluppo della Calabria fondato sull'ecoturismo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Francesco Longo
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2000-01
  Università: Università degli Studi della Calabria
  Facoltà: Economia
  Corso: Discipline Economiche e Sociali
  Relatore: Matteo Marini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 149

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi