Ammissibilità ed efficacia probatoria dei nuovi mezzi di indagine processuale imposti dal progresso scientifico

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

15 Anche l’art.27Cost. tende alla legalità in campo probatorio: nessuna sanzione penale può essere inflitta se la colpevolezza non venga accertata nelle forme previste dalla legge. Zappalà è in disaccordo anche con quelle considerazioni che vengono di solito addotte per giustificare la non tassatività dei mezzi di prova: 1) l’assenza di una norma di chiusura. 2) L’associazione della prova atipica all’indizio di per sé atipico PERIZIA: UN ISTITUTO IDONEO A RECEPIRE LA PROVA ATIPICA Non concorda con la prima considerazione perché ritiene che gli strumenti istruttori disposti dal legislatore siano idonei a contenere ogni immaginabile fonte materiale di prova. Inoltre l’affermazione di Taruffo 23 relativamente al fatto che unica condizione di legittimità nell’acquisizione della prova atipica sarebbe costituita dall’osservanza della regola del contraddittorio, viene contestata anche da Cavallone 24 , che la ritiene erronea e pericolosa: “ erronea perché evidentemente essa si risolve… nel paradosso secondo cui tutte le regole attinenti ai limiti di ammissibilità e alle modalità di acquisizione delle prove possono essere tranquillamente ignorate, o private di contenuto normativo, solo che si abbia cura di definire atipico ciò che con esse non si concilia; pericolosa perché diffondere un siffatto insegnamento tra i giuristi significa incoraggiarli a perseverare nella già deplorata convinzione che tutto ciò che compare sulla scena del processo debba per ciò solo necessariamente entrare a far parte delle risultanze istruttorie utilizzabili ai fini del giudizio di fatto “. In particolare ritiene che la perizia sia lo strumento probatorio opportuno e necessario per acquisire al processo i nuovi mezzi di indagine processuale, i quali necessitano conoscenze tecniche specifiche, che il giudice non possiede, ragion per cui si deve rivolgere al perito. Rimane dunque il problema delle risultanze peritali da parte del giudice che non possiede gli strumenti intellettivi per valutarne l’attendibilità. Il giudice può solo esperire quel 23 TARUFFO op. ult. cit. 24 CAVALLONE Critica delle teorie delle prove atipiche in Riv. dir. proc., 1978

Anteprima della Tesi di Silvia Moffa

Anteprima della tesi: Ammissibilità ed efficacia probatoria dei nuovi mezzi di indagine processuale imposti dal progresso scientifico, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Silvia Moffa Contatta »

Composta da 178 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4375 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 23 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.