Skip to content

Ammissibilità ed efficacia probatoria dei nuovi mezzi di indagine processuale imposti dal progresso scientifico

La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: Loggati o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
8 RICOSTRUZIONE STORICA RELATIVA ALLE PROVE ATIPICHE NEL PROCESSO CIVILE La dottrina processualistica formatasi sotto il codice di procedura civile del 1865, tendenzialmente aderente al principio della tassatività dei mezzi di prova, aveva in nuce la problematica delle prove atipiche, anche se ancora non le trattava come istituto a sé stante, ma come elementi idonei ad integrare il convincimento del giudice e come dati di fatto anomali rispetto all’elenco tassativo dei mezzi di prova. In questo senso vi era chi attribuiva valore probatorio alla sentenza resa inter alios, affermando che questa non poteva opporsi a terzi come cosa giudicata, ma poteva essere “elemento di convincimento per decidere una controversia diversa”. Successivamente parte della dottrina inserì questa fattispecie nell’ambito delle presunzioni semplici, il cui carattere di atipicità sembrava idoneo a recepirle. E, come vedremo in seguito, l’atipicità intrinseca dell’indizio sarà una delle argomentazioni che legittima l’ammissibilità delle prove atipiche. La prima enunciazione esplicita del principio della non tassatività dei mezzi di prova si ebbe con il Lessona e con Mortara. Lessona considera ammissibili le prove atipiche in relazione al fatto che il sistema processuale dell’epoca non doveva considerarsi un sistema chiuso. 6 Anche Mortara dichiara per la prima volta l’utilizzabilità di prove non codificate desunta dall’assenza di norme impeditive nel codice del 1865. 7 Entrambi gli autori non individuano un criterio specifico per valutare le prove innominate, salvo il riferimento al generalissimo criterio del rispetto del contraddittorio nell’assunzione delle prove atipiche. Il merito di formulare il primo criterio per valutare le prove atipiche e il merito di aver creato l’autonoma categoria delle prove innominate spetta a Carnelutti. 8 Il criterio è quello dell’analogia: rinvenire rispetto alla prova atipica la corrispondente prova tipica (per caratteristica e funzione) la cui disciplina legale potesse essere applicata. Per contro se la prova 6 LESSONA Trattato delle prove in materia civile, Firenze, 1922 7 MORTARA Commentario del codice e delle leggi di procedura civile, Milano, 1923 8 CARNELUTTI Lezioni di diritto processuale civile, III, 2, Padova 1923, pp. 342-344
Anteprima della tesi: Ammissibilità ed efficacia probatoria dei nuovi mezzi di indagine processuale imposti dal progresso scientifico, Pagina 3

Indice dalla tesi:

Ammissibilità ed efficacia probatoria dei nuovi mezzi di indagine processuale imposti dal progresso scientifico

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

Autore: Silvia Moffa
Tipo: Tesi di Laurea
Anno: 1998-99
Università: Università degli Studi di Bologna
Facoltà: Giurisprudenza
Corso: Giurisprudenza
Relatore: GianfrancoRicci
Lingua: Italiano
Num. pagine: 178

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario, dalla commissione in sede d'esame, e - se pubblicata su Tesionline - anche dalla nostra redazione.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

diritto alla prova
documento informatico
efficacia probatoria
polizia scientifica
prova atipica
prova atipica processi
prova ematologica
prova scientifica
prove atipiche
prove ematologiche
prove scientifiche processi
ris parma

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani

Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi?
Quale sarà il docente più disponibile?
Quale l'argomento più interessante per me?
...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile


La tesi l'ho già scritta, ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri. Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi