Il reclamo cautelare

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Genesi del reclamo cautelare - 15 - provvedimento d’urgenza, non si svolgeva alcun contraddittorio tra le parti: poiché la presenza del contraddittorio è requisito essenziale affinché una pronuncia possa essere considerata una sentenza, tale natura doveva essere negata al provvedimento di cui si discute. In antitesi rispetto a questo orientamento, è stato osservato 28 che la decisione sulla competenza in materia di procedimenti cautelati doveva essere qualificata come sentenza, in base al combinato disposto degli artt. 28 e 45 c.p.c.. Connesso al problema dell’impugnazione del provvedimento d’urgenza si presentava quello relativo alla revoca del medesimo 29 . Mentre non sono state manifestate incertezze circa la revocabilità del decreto pronunciato inaudita altera parte 30 , sono state avanzate diverse 27 Cfr. ANDRIOLI, op. cit., pag. 274; TOMMASEO, Provvedimenti sommari e regolamento di competenza, Giur. It., 1969, I, c. 315. 28 Così BIANCHI D’ESPINOSA, Regolamento di giurisdizione e regolamento di competenza nei procedimenti cautelari e nei procedimenti di giurisdizione volontaria, Giur. It., 1961, 1, c. 832 29 Così BUCOLO, op. cit., c. 78-79 secondo il quale, se l’impugnazione doveva ritenersi il rimedio col quale si provoca, da parte di un giudice superiore, un provvedimento di rescissione a carico di quello impugnato, la pronuncia di revoca costituiva la risultante di un riesame da parte dello stesso giudice della pronuncia. 30 In base al rinvio agli artt. 689 e seg. c.p.c., contenuto nel 1° comma dell’art. 702 c.p.c., era indiscusso che, se richiesto ante causam, il provvedimento potesse essere concesso con decreto, senza previa instaurazione del contraddittorio, e che lo stesso dovesse essere confermato, modificato o revocato con ordinanza a contraddittorio instaurato: cfr. ANDRIOLI, op. cit. pag. 275; SATTA, op. cit. pag. 283; MERLIN, I limiti temporali di efficacia, AA.VV., I procedimenti cautelari, Padova, 1990, pag. 238; CALVOSA, La tutela cautelare, Torino, 1963, pag. 795; BUCOLO, op. cit., c.84.

Anteprima della Tesi di Michela Russo

Anteprima della tesi: Il reclamo cautelare, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Michela Russo Contatta »

Composta da 239 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3718 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 17 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.