Skip to content

Applicazione di tecniche di intelligenza artificiale per lo studio della relazione fra l’inquinamento atmosferico e le sue concause

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
15 alle quali esposizioni ripetute e frequenti all'ozono, in concomitanza con altri inquinanti spesso ad esso associati, quali aldeidi e perossiacetilnitrato, possono avere un'influenza sull'insorgere e sul decorso di malattie dell'apparato respiratorio. Inoltre, le più recenti indagini mostrano che lo smog fotochimico e l'inquinamento atmosferico in generale possono portare ad una maggiore predisposizione alle allergie delle vie respiratorie. 1.1.10 Prospettive di intervento I rapporti causali tra le caratteristiche dei profili delle emissioni inquinanti, le condizioni meteoclimatiche, i diversi comparti ambientali, da una parte, e i rischi sanitari per la popolazione, dall'altra, assieme agli stress a cui sono continuamente sottoposti l'ambiente, i manufatti ed il patrimonio artistico, sono ormai stati messi in chiara evidenza dalle attuali conoscenze scientifiche e dai numerosi dibattiti tecnici e scientifici. Il miglioramento della qualità dell'aria può essere ottenuto soltanto con adeguate strategie di controllo e di riduzione delle emissioni. I piani di riduzione delle emissioni, però, risultano in generale molto onerosi poiché implicano la sostituzione di intere tecnologie, la variazione di cicli produttivi e di sistemi di approvvigionamento nonché la costruzione o ristrutturazione di impianti e infrastrutture. È proprio in tale scenario che divengono essenziali per programmare piani di intervento efficaci due strumenti tra loro complementari e relativamente "economici": i modelli matematici e le reti di misura dei dati ambientali, rispettivamente per l'interpretazione e per il monitoraggio dei fenomeni fisici coinvolti. Certamente questi due strumenti, di per sé, non riducono l'inquinamento atmosferico, ma costituiscono un'opportunità di predeterminare costi e benefici degli interventi. Le strategie di intervento possono essere schematizzate in due classi principali, a seconda che mirino alla riduzione pianificata su medio e lungo periodo dei livelli di inquinamento, oppure alla limitazione su tempi brevi degli effetti sanitari e ambientali dovuti agli episodi acuti. Modelli matematici adeguati risultano indispensabili sia nella scelta, pianificazione e stima dell'efficacia dei provvedimenti sul medio e lungo periodo, sia, sul breve periodo, nella previsione degli episodi di inquinamento acuto. Certamente non possono esistere soluzioni semplici per il fenomeno dell'inquinamento atmosferico urbano che è altamente complesso, tuttavia attuare con un certo anticipo appropriati provvedimenti a carattere contingente (come ad esempio la chiusura del traffico veicolare di determinate aree) può limitare sia l'esposizione della popolazione al rischio sanitario, sia lo sviluppo di episodi acuti. L'efficacia degli interventi dipende innanzitutto dalle caratteristiche degli inquinanti coinvolti. Infatti, mentre le concentrazioni degli inquinanti primari hanno un comportamento che dipende molto strettamente dalla localizzazione a microscala delle emissioni, quelle degli inquinanti secondari presentano un andamento spaziale più omogeneo e meno dipendente dalla posizione delle singole sorgenti. Interventi sulle sorgenti di emissione locali permettono quindi di ottenere degli effetti diretti su inquinanti primari come il monossido di carbonio, ma per la riduzione delle concentrazioni degli inquinanti secondari quali l'ozono sono necessari interventi con campo d'azione più vasto. Infatti la formazione di O 3 avviene in periodi di tempo che possono variare da alcune ore a parecchi giorni, in dipendenza delle condizioni meteorologiche (in special modo irradiamento solare, temperatura, direzione e velocità del vento, condizioni di stabilità atmosferica e altezza dello strato di rimescolamento).
Anteprima della tesi: Applicazione di tecniche di intelligenza artificiale per lo studio della relazione fra l’inquinamento atmosferico e le sue concause, Pagina 13

Preview dalla tesi:

Applicazione di tecniche di intelligenza artificiale per lo studio della relazione fra l’inquinamento atmosferico e le sue concause

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Matteo Della Torre
  Tipo: Tesi di Dottorato
Dottorato in Ingegneria dell'informazione
Anno: 2001
Docente/Relatore: Flavio Bonfatti
Istituito da: Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia
Dipartimento: Scienze dell'ingegneria
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 160

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

analisi di dati
intelligenza artificiale
pattern recognition
previsione
principal component analysis
radial basis function
reti a strati
reti neurali
serie numeriche
sistemi ibridi
inquinamento atmosferico

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi