Skip to content

Le politiche relative agli immigrati in Svezia: analisi e comparazione con i principali modelli europei

La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: Loggati o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
10 politico necessaria all’approvazione di un insieme di riforme noto come la “Casa del Popolo” (folkhemmet). Esso comprendeva fondi per la costruzione di abitazioni, sussidi di disoccupazione, un sistema pensionistico governativo e aiuti alle famiglie; i costi di queste riforme furono coperti dall’innalzamento della tassazione progressiva su reddito, eredità e patrimonio. L’accordo tra sindacati e industriali creò invece le condizioni per un periodo caratterizzato dalla quasi assenza di conflitti sociali, anche grazie alla nomina di un Consiglio del Mercato del Lavoro, comprendente sia rappresentanti della SAF che del LO, che avrebbe agito da interlocutore esclusivo del governo, tenendo così le issues relative al mercato del lavoro al di fuori dell’arena politica. Gli anni cinquanta e sessanta furono il periodo di apogeo e di maggior prestigio internazionale del sistema svedese. Il grande consenso politico, l’armonia tra sindacati, industriali e partiti di governo, e la rapida crescita economica, hanno permesso la costruzione passo dopo passo del welfare state più ampio e generoso d’Europa. Attraverso una progressiva espansione delle garanzie della folkhemmet, il sistema del welfare svedese si è esteso fino a coprire gli ambiti più disparati. In aggiunta a questo, mentre il requisito per ottenere i benefici della folkhemmet era sempre stata la certificazione di nullatenenza, le riforme del dopoguerra furono dirette a tutta la popolazione, senza alcuna distinzione di reddito. La nuova concezione socialdemocratica del välfärds-staten 1 dava la priorità alla creazione di una “rete di sicurezza” per tutti; i cittadini che disponevano di maggiori ricchezze avrebbero semplicemente contribuito al benessere collettivo in misura maggiore, mediante il meccanismo della tassazione progressiva. È altresì importante notare come queste politiche non coincisero affatto con una “socializzazione” della società svedese: non vi furono nazionalizzazioni su larga scala, né pianificazioni economiche. Anche 1 Questa parola, tradizionalmente tradotta con welfare state, ha nella lingua inglese un’accezione negativa che manca totalmente in quella svedese. In Inglese, è associata all’idea di assistenza sociale per i più bisognosi: in Svedese, è invece legata a quella di benessere e prosperità.
Anteprima della tesi: Le politiche relative agli immigrati in Svezia: analisi e comparazione con i principali modelli europei, Pagina 7

Indice dalla tesi:

Le politiche relative agli immigrati in Svezia: analisi e comparazione con i principali modelli europei

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

Autore: Enrico Callegati
Tipo: Tesi di Laurea
Anno: 2001-02
Università: Università degli Studi di Bologna
Facoltà: Scienze Politiche
Corso: Scienze Internazionali e Diplomatiche
Relatore: SofiaVentura
Lingua: Italiano
Num. pagine: 169

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario, dalla commissione in sede d'esame, e - se pubblicata su Tesionline - anche dalla nostra redazione.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

immigrazione
svezia
politica comparata
immigrazione in francia
immigrazione in svezia
immigrazione in germania

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani

Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi?
Quale sarà il docente più disponibile?
Quale l'argomento più interessante per me?
...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile


La tesi l'ho già scritta, ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri. Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi