Indagine sulla popolazione canina nell'area di Arcavacata di Rende (CS)

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

4 2 LE POPOLAZIONI CANINE 2.1 Il cane: la forma domestica del Lupo Circa l�origine filetica e la posizione tassonomica del Cane sono state avanzate molte ipotesi anche contrastanti tra loro. Per lungo tempo, ad esempio, si � ritenuto che il progenitore del Cane, da considerare una specie distinta (Canis familiaris), fosse il Lupo (Canis lupus) o lo Sciacallo (Canis aureus) o il Coyote (Canis latrans) o, addirittura, tutte e tre le specie. Si riteneva, insomma, che tutte queste specie fossero state addomesticate in differenti aree geografiche e, successivamente incrociate tra loro, avrebbero dato origine alle diverse razza canine, in cui si riteneva di poter riconoscere il differente apporto delle specie progenitrici. D�altra parte, in linea teorica l�ipotesi pu� apparire verosimile, infatti, � pur vero che in natura il Cane si incrocia, dando origine a prole fertile, con altre specie di Canidi selvatici oltre che con il Lupo: il Coyote Canis latrans, lo Sciacalo C.aureus, il Lupo del Simen C.simensis (cfr. Wayne, 1993); cos� com�� vero che specie diverse di Canidi selvatici si incrociano naturalmente tra loro (il Lupo ed il Coyote in Nord America si ibridano diffusamente e il Lupo rosso Canis rufus sembra essersi originato proprio da questa ibridazione � Wayne, 1993). Attualmente, per�, le numerose ricerche a livello morfologico, etologico, paleontologico, e soprattutto genetico (Wayne, 1993;

Anteprima della Tesi di Francesco Giordano

Anteprima della tesi: Indagine sulla popolazione canina nell'area di Arcavacata di Rende (CS), Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Francesco Giordano Contatta »

Composta da 89 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 905 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.