La società italiana e la Fiat negli anni della motorizzazione di massa

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 tempo, in modo tale che anche l’economia italiana avrebbe potuto crescere senza troppi affanni. Nel giro di qualche anno comunque la Fiat avrebbe dovuto competere ad armi pari non solo con le industrie automobilistiche europee, ma anche con gli stabilimenti nel Vecchio Continente dei colossi americani Ford e General Motors Questa prospettiva non poteva non apparire preoccupante, soprattutto considerando che, nonostante le dimensioni della Fiat sembrassero titaniche nel contesto italiano, l’azienda restava piccola e debole se confrontata a concorrenti stranieri. Le gravi difficoltà che si prospettavano non impedirono al Presidente di capire in anticipo rispetto ad altri le implicazioni positive che la nuova situazione avrebbe portato, cosa che gli permise di cavalcare gli effetti benefici della collaborazione con gli Stati Uniti e con le potenze europee. Innanzi tutto Valletta comprese, rafforzando quella che era già una sua ferma convinzione, come quello fosse il momento giusto per sfruttare i mutamenti in corso e per lanciarsi nella fabbricazione di un prodotto del quale perfino i futuri acquirenti ignoravano l’utilità, permettendo così alla Fiat di farsi valere su un terreno di concorrenza non convenzionale. Se le altre grandi imprese avevano puntato su modelli di grossa cilindrata, la Fiat avrebbe realizzato modelli più piccoli e più abbordabili sul fronte del prezzo; avrebbe pensato, progettato e fabbricato la cosiddetta “utilitaria” per la quale si intravedeva una speranza di espansione della domanda. La scelta della fetta di mercato a cui rivolgersi avrebbe costituito il punto di forza dell’azienda in ambito competitivo e il presupposto di cambiamento della società insito in un progetto simile avrebbe trainato tutti i settori dell’industria e modificato realmente le abitudini e i desideri degli italiani, facendo dell’automobile un bene pilota per lo sviluppo dell’intera economia.

Anteprima della Tesi di Gaia Corazzari

Anteprima della tesi: La società italiana e la Fiat negli anni della motorizzazione di massa, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione e dello Spettacolo

Autore: Gaia Corazzari Contatta »

Composta da 169 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6802 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 16 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.