Skip to content

Towards Software Components for Non Functional Aspects

La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: Loggati o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 Aspects of Complex Systems The astrologers call the evil influences of the stars evil aspects. — Francis Bacon Separation of concerns is a very general and very powerful prin- ciple that applies to any large and complex human activity. It is espe- cially used in software to express the ability to identify, describe, and handle important and critical facets of a software system separately. Concerns are always related to a goal a stakeholder1 wants to achieve with a software system or to anticipations or expectations he or she has on a system. A concern can be seen as a perspective that is taken by a stakeholder on a system. This is particularly true for systems which deploy a number of different technologies. For instance, building the software for controlling airplanes needs deep understanding of hard- ware and physical issues. Well organized software systems are partitioned in modular units each addressing a well defined concern. Such parts are developed in relative isolation and then assembled to produce the whole system. A clean and explicit separation of concerns reduces the complexity of the description of the individual problems, thereby increasing the compre- hensibility of the complete system. Some concerns are only relevant in certain development stages, even though more often they are relevant during the complete software life cycle. Separation of concerns supports evolution and maintenance, fa- cilitates reuse, it also enables consistency checking and correspondence between specification and implementation. Even when the system is finished2 having different models corres- ponding to different perspectives is a powerful tool useful for inferring 1With the term stakeholder we mean any person involved in the life cycle of the sys- tem: the entrepreneur who organizes the business venture and assumes the risk for it, the designer who sketches the system architecture, the programmer who writes the code, one of the marketing people who sell the product, the end-user who ex- ploits the software in his own business, the customizer who adapts it to specific demands, etc. 2Of course, the notion of “finished system” is a controversial one: actually, complex 5
Anteprima della tesi: Towards Software Components for Non Functional Aspects, Pagina 5

Indice dalla tesi:

Towards Software Components for Non Functional Aspects

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

Autore: Mattia Monga
Tipo: Tesi di Dottorato
Dottorato in Ingegneria Informatica e Automatica
Anno: 2001
Docente/Relatore: Carlo Ghezzi
Istituito da: Politecnico di Milano
Dipartimento: Dipartimento di Elettronica e Informazione
Lingua: Inglese
Num. pagine: 80

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario, dalla commissione in sede d'esame, e - se pubblicata su Tesionline - anche dalla nostra redazione.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

aop
aspect oriented programming
aspectj
malaj
software engineering

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani

Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi?
Quale sarà il docente più disponibile?
Quale l'argomento più interessante per me?
...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile


La tesi l'ho già scritta, ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri. Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi