La disciplina giuridica della gestione dei rifiuti

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 ulteriore legge di modifica n.448/1998), che riforma la materia, prima disciplinata dal vecchio D.P.R. 915/1982. La tesi si articola in due parti: nella prima, viene condotto uno studio approfondito del decreto Ronchi, dopo aver fatto riferimento alla normativa comunitaria e all’ iter di evoluzione della legislazione sullo smaltimento dei rifiuti in Italia sin dal t.u. del 19345. Nella seconda parte, si procede all’analisi di come effettivamente la normativa è stata recepita a livello di enti locali, conducendo ,in particolare, un’indagine sull’organizzazione del servizio di gestione dei rifiuti nella Regione Lazio e nella Regione Lombardia. A livello definitorio, bisogna intendere per rifiuto ciò di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia l’obbligo di disfarsi 6. Le finalità che si propone la legge del 1997, sono: la minimizzazione della produzione dei rifiuti attraverso l’utilizzo della strategia delle cinque R (riduzione dei rifiuti all’origine, potenziamento della raccolta differenziata, riuso dell’oggetto qual è, riciclo delle materie recuperate, recupero dell’energia dai rifiuti.). 5 T.u. n.1265/1934 6 Art.6, c.1 lett.a) del d.lgs.22/1997.

Anteprima della Tesi di Francesca Maria Spinello

Anteprima della tesi: La disciplina giuridica della gestione dei rifiuti, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Francesca Maria Spinello Contatta »

Composta da 210 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6525 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 18 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.