Il problema dei rapporti tra i testi di Qumran e il Vangelo di Giovanni: un bilancio alla luce degli studi più recenti

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

invece in gran conto il bene della saggezza che deve essere messa a disposizione di tutti e custodita gelosamente: Hanno una cura straordinaria degli scritti degli antichi, scegliendo specialmente quelli che riguardano il profitto dell’anima e del corpo... (3), scrive Giuseppe Flavio nella sua Guerra Giudaica e poi ancora: ...(l’adepto) presta giuramento di non trasmettere ad alcuno dottrine della setta diverse da quelle che egli stesso ha ricevuto (...), di custodire ugualmente sia i libri della setta che i nomi degli angeli (Giuseppe Flavio, Guerra Giudaica, 142). Ed eccoci alla più logica spiegazione sulla conservazione dei Rotoli. eppure, mentre la cura nel conservare, tutelare, trasmettere i Rotoli fu di vitale importanza per la comunità qumrânica, dal 1947 stessa cura non ebbero i primi scopritori. Il pastorello Mohammed ed-Dib, lanciando sassi all’interno di una grotta, rimase impaurito dal rumore di cocci rotti che aveva provocato. Dopo una prima fuga per lo spavento, vinto dalla curiosità, tornò con un cugino e spiò all’interno della grotta, denominata poi 1, scoprendo una serie di giare, alcune delle quali rotte, altre invece integre e ancora sigillate dal loro coperchio. Aprendone una Mohammed si ritrovò per le mani un involucro di lino misto a cera o pece. Ogni pacco conteneva un manoscritto composto su più colonne; il rotolo era costituito da fogli uniti fra loro mediante cuciture. I ragazzini portarono i Rotoli al loro villaggio di beduini e da questo momento ebbero inizio quei viaggi, quelle compravendite, quelle sparizioni, quegli scambi che avrebbero segnato le tappe importanti della storia dei Rotoli del Mar Morto, ancora fino ad oggi non conclusa. I Beduini vendettero i Manoscritti al mercante Halîl Iskandar Shahîn, detto Kando, di Betlemme che dopo una superficiale occhiata pensando si trattasse di scritti siriaci, nella lingua liturgica, cioè, della sua chiesa, li portò al suo metropolita, mar Athanasius Jeshue Samuel che li acquistò, intuendo immediatamente il loro valore. I Beduini tornarono allora alla grotta 1 e ben presto per tutto l’anno 1947 frammenti, Rotoli e giare vennero venduti a prezzi stracciati a mercanti d’arte e studiosi così come a gente di passaggio, senza alcun controllo delle autorità preposte alle antichità. Alla fine del 1947 (4) E.L. Sukenik, docente presso l’università ebraica di Gerusalemme venne a conoscenza dell’esistenza dei manoscritti e acquistò per conto dell’Università i Rotoli Isaia, Regola della guerra, e Inni (in un primo momento dall’editore vennero

Anteprima della Tesi di Maria Arruzza

Anteprima della tesi: Il problema dei rapporti tra i testi di Qumran e il Vangelo di Giovanni: un bilancio alla luce degli studi più recenti, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Maria Arruzza Contatta »

Composta da 49 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1796 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.