Il ruolo geostrategico del Pakistan tra subcontinente indiano e centro Asia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Legittimato, infatti, solo sulla base della religione islamica, il Pakistan non può lasciare ali 'India un territorio "contiguo" e "musulmano", perche ciò sarebbe in contraddizione con i princìpi che ne hanno giustificato la nascita. Tuttavia, un altro motivo, negli anni del dopo guerra fredda, ha spinto Islamabad a rivendicare con più insistenza l' annessione di questo territorio ed il ritiro delle truppe indiane. La fine dell'ex Unione Sovietica e l'indipendenza delle repubbliche centroasiatiche ha fatto sorgere un nuovo sistema regionale (il Medio Asiatico ), le cui risorse petrolifere e gassifere hanno dischiuso nuove opportunità agli stati della regione. Il Pakistan, consapevole di non poter rimanere fuori da quell'area, sta cercando in ogni modo di instaurare dei rapporti privilegiati con le ex repubbliche sovietiche alle quali può offiire, con il suo porto di Karachi, uno sbocco al mare alternativo a quello offerto dai porti russi. Ma ogni progetto pakistano di collegamento con i principali assi di comunicazione del nord, che vanno dalla Cina all' Asia centrale, non può prescindere da un controllo consolidato sui territori più settentrionali del paese, tra i quali rientrano sia il Kashmir che il ghiacciaio del Siachen. In caso contrario infatti, le truppe indiane continueranno a minacciare la Karakorum Highway, la più importante via di comunicazione terrestre tra la Cina meridionale ed il Pakistan settentrionale.

Anteprima della Tesi di Fausto Alunni

Anteprima della tesi: Il ruolo geostrategico del Pakistan tra subcontinente indiano e centro Asia, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Fausto Alunni Contatta »

Composta da 264 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1921 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.