La commercializzazione delle moto in Italia e gli effetti della rottamazione sui C/F

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

I soggetti del mercato 8 Capitolo 1:” I soggetti del mercato” 1.1 Le case produttrici La commercializzazione della moto in Italia è strutturata in maniera complessa ed articolata. Le Case produttrici italiane più importanti e conosciute del settore sono: Aprilia, Piaggio, Ducati e Moto Guzzi, mentre le straniere sono Honda, Yamaha, Suzuki e Kimco. Le Case estere per immettere sul mercato i propri motoveicoli, si servono di un importatore, che detiene per contratto l’esclusiva di quella determinata marca. In ciascuna città l’importatore ufficiale stabilirà chi avrà la forza finanziaria, la capacità organizzativa e di vendita per diventare concessionario ufficiale. I concessionari o dealer sono usualmente non più di 2 o 3 per città, in funzione delle dimensioni e delle potenzialità del mercato. Stipulato il contratto con l’importatore, il dealer costruisce all’interno della propria area di competenza una vera e propria rete di vendita, costituita dai rivenditori autorizzati, che sono distribuiti in maniera da essere presenti in ogni zona.

Anteprima della Tesi di Luca Carrara

Anteprima della tesi: La commercializzazione delle moto in Italia e gli effetti della rottamazione sui C/F, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Luca Carrara Contatta »

Composta da 169 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 933 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.