Skip to content

Una voce fuori dal coro: Avvenire, il quotidiano dei cattolici italiani

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
10 I.1.3. La stampa cattolica nel 1968 La tensione presente in Montini di unificare in un foglio globalmente interpretativo la visione del mondo cattolico era, verso la fine degli anni ’60, ormai diventata una necessità, ma non si era riuscita ancora a concretizzare proprio per la contemporanea presenza di diverse testate con lo stesso indirizzo 8 . Ancora nel 1968, anno di nascita di “Avvenire”, erano presenti in Italia sei quotidiani cattolici, tutti editi al nord: “L’Italia”, stampato a Milano, e “L’Avvenire d’Italia” di Bologna avevano una tiratura interregionale; c’erano poi testate locali come “Il Cittadino” di Genova, “L’Ordine” di Como, “L’Eco di Bergamo” e “L’Adige” di Trento. Un caso a parte è quello de “Il Quotidiano”, diffuso a Roma e con una tiratura interregionale, che però cessò le pubblicazioni nel 1964 e fu assorbito da “L’Avvenire d’Italia” di Bologna 9 . La vita economica di queste testate, ed in particolare di quella milanese e di quella bolognese, non era mai stata molto florida. La loro diffusione, poi, era fortemente radicata nel territorio, ma scarsa era la loro incidenza sull’opinione pubblica; entrambi i quotidiani contavano numerosi lettori legati alla vita della diocesi e affezionati al loro giornale. Quello dei lettori era un ulteriore problema che si veniva ad inserire nel cammino dell’operazione “Avvenire”. Quando Giovanni Battista Montini salì al soglio pontificio nel 1963 i tempi per un cambiamento del giornalismo cattolico italiano, evidentemente, non erano ancora abbastanza maturi: si trattava di convincere i direttori dei quotidiani esistenti che l’operazione di unificare tutte le testate in un unico giornale sarebbe stata fruttuosa. Questi e altri problemi rimandarono di qualche anno l’attuazione dell’idea di Paolo VI. Nel frattempo diversi segnali rafforzarono la convinzione del pontefice della necessità di un’unica voce per i cattolici italiani. Il contesto culturale e politico italiano, poi, stava mutando: per la Chiesa erano gli anni del Concilio Vaticano II e nella nazione si andavano profilando possibili governi di centro-sinistra 10 . Diversi furono i fatti che prepararono la nascita di “Avvenire”, sancita il 27 gennaio 1967 dalla Conferenza Episcopale Italiana, che proprio in quegli anni muoveva i suoi primi passi 11 . “Avvenire” doveva sorgere non dalle ceneri de “L’Italia” e de “L’Avvenire d’Italia”, ma dalla loro fusione 12 . Con questo nuovo quotidiano non si voleva cancellare tutta la tradizione che del giornalismo cattolico italiano, ma se ne voleva scrivere un nuovo capitolo. I.2. Il passato di “Avvenire” Due sono gli ordini di avvenimenti che il 4 dicembre 1968 portarono in edicola la prima copia di “Avvenire”: le riflessioni che venivano condotte all’interno della Chiesa, in particolare quelle emerse dal Concilio Vaticano II, e la situazione generale delle due principali testate cattoliche, cioè de “L’Avvenire d’Italia” e de “L’Italia”. Se la Chiesa con l’evento conciliare si interrogava sulla sua missione e sugli strumenti più efficaci da utilizzare, il giornalismo cattolico non viveva quello che potrebbe essere definito un periodo felice: a Bologna era in atto una profonda crisi dovuta alle dimissioni, giunte nel 1966, del direttore Raniero La Valle al quale succedette Giampiero Dore, incaricato di condurre la fusione con la testata milanese. A “L’Italia” di Milano, dopo la direzione di Giuseppe Lazzati, direttore voluto dallo stesso cardinal Montini, era stato nominato monsignor Carlo Chiavazza, già vice di Lazzati, che guiderà il glorioso quotidiano milanese sino al giorno della fusione con il giornale bolognese. 8 GIACOMO DE ANTONELLIS, voce “Avvenire” in Dizionario della Chiesa ambrosiana, Milano, Nuova Edizioni Duomo, 1987, p. 313 ss. 9 ANGELO MAJO, La stampa cattolica in Italia, Casale Monferrato, Piemme, 1992, pp. 211-233. 10 Ibidem. 11 SERGIO BALISTRIERI, Cuore lombardo anima emiliana, Venticinque anni con “Avvenire”, supplemento di “Avvenire”, 4 dicembre 1993, p. 29. 12 Ibidem.
Anteprima della tesi: Una voce fuori dal coro: Avvenire, il quotidiano dei cattolici italiani, Pagina 3

Preview dalla tesi:

Una voce fuori dal coro: Avvenire, il quotidiano dei cattolici italiani

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Pierachille Dolfini
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1997-98
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze dell'Educazione
  Relatore: Giuseppe Farinelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 115

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

avvenire
avvenire.it
chiesa
conferenza episcopale italiana
dino boffo
giornali vaticano
informazione
notizie giornali
paolo vi
quotidiano avvenire
quotidiano cattolico
stampa cattolica
stampa chiesa
stampa vaticana

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi