Skip to content

Una voce fuori dal coro: Avvenire, il quotidiano dei cattolici italiani

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
11 I.2.1. Il Concilio Vaticano II La grande riflessione che ha coinvolto la Chiesa negli anni dal 1962 al 1965, il Concilio Vaticano II, ha preso in seria considerazione gli strumenti della comunicazione sociale come la stampa, il cinema, la radio e la televisione destinati a raggiungere e ad influenzare non solo i singoli individui ma, per la loro stessa natura, moltitudini di persone, e l’intera società; essi possono chiamarsi con ragione: strumenti della comunicazione sociale 13 . Secondo il documento Inter Mirifica, datato 4 dicembre 1963 e quindi uno dei primi editi dal Concilio, gli strumenti della comunicazione sociale non solo diffondono con rapidità notizie, ma si pongono come decisivi per la formazione dell’opinione pubblica e del costume 14 . In breve tempo i mezzi di comunicazione sono diventati i veicoli di una nuova cultura, la cultura di massa la quale è in grado di raggiungere sempre più persone offrendo loro una pluralità di messaggi e proponendo nuovi modelli di comportamento 15 . Il documento conciliare pone come fondamentale il diritto all’informazione laddove afferma che c’è nella società umana il diritto all’informazione su quanto, secondo le rispettive condizioni, si addice alle persone così singole come associate. Tuttavia il retto esercizio di questo diritto richiede che la comunicazione, nel suo contenuto, risponda sempre a verità e nel rispetto della giustizia e della carità sia integra 16 . Il decreto, che unito ad un discorso del neoeletto Paolo VI chiude la seconda sessione del Concilio, pone in luce quale debba essere la funzione dell’opinione pubblica e di una stampa che si auspica cattolica. Allo scopo poi di formare a un genuino spirito cristiano i lettori, si crei e si diffonda una stampa specificamente cattolica, tale cioè che – dipenda essa, o sia promossa, direttamente dall’autorità ecclesiastica, oppure personalmente da cattolici – venga esplicitamente redatta e pubblicata per formare, rafforzare e promuovere opinioni pubbliche rispettose della legge naturale, della morale cattolica e per far conoscere nella giusta luce fatti e cose che riguardano la Chiesa; mentre ai fedeli sia richiamata l’esigenza di leggere e di far conoscere la stampa cattolica per abituarsi a giudicare cristianamente di ogni avvenimento 17 . Con questo documento, che troverà compimento nell’istruzione pastorale Communio et Progressio del 23 maggio 1971, la Chiesa indica un nuovo modo di fare giornalismo. Pian piano si sta cercando di uscire dagli schemi di eccessiva cautela nei confronti dell’autorità ecclesiastica e di affrontare gli eventi in modo diretto e sempre più responsabile 18 . 13 Concilio Vaticano II, Decreto su Gli strumenti della comunicazione sociale - Inter mirifica del 4 dicembre 1963 in Tutti i documenti del Concilio, Milano, Massimo, 1996, p. 484. 14 ANGELO MAJO, La stampa cattolica in Italia, cit. 15 Ibidem. 16 Concilio Vaticano II, Decreto su […], cit. p. 487. 17 Ibidem p.491. 18 ANGELO MAJO, La stampa cattolica in Italia, cit.
Anteprima della tesi: Una voce fuori dal coro: Avvenire, il quotidiano dei cattolici italiani, Pagina 4

Preview dalla tesi:

Una voce fuori dal coro: Avvenire, il quotidiano dei cattolici italiani

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Pierachille Dolfini
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1997-98
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze dell'Educazione
  Relatore: Giuseppe Farinelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 115

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

avvenire
avvenire.it
chiesa
conferenza episcopale italiana
dino boffo
giornali vaticano
informazione
notizie giornali
paolo vi
quotidiano avvenire
quotidiano cattolico
stampa cattolica
stampa chiesa
stampa vaticana

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi