Skip to content

Una voce fuori dal coro: Avvenire, il quotidiano dei cattolici italiani

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
15 I.2.2.2. Giampietro Dore: in cammino verso la fusione A sostituire il direttore dimissionario fu chiamato Giampietro Dore, già presidente del consiglio di amministrazione, nominato dall’assemblea dei soci che , in parte, era controllata dalla diocesi di Bologna. Dore era un uomo di cultura e, sempre grazie al ricordo di Balistrieri, possiamo dire che la sua funzione, nell’anno di permanenza a “L’Avvenire d’Italia”, fu quella di curatore fallimentare 37 . In Continuità di un impegno, articolo di presentazione di Dore apparso il 2 agosto 1967, in neo direttore analizza quella che si presentava come la crisi della stampa cattolica, dovuta soprattutto al fatto che i cattolici desideravano essere veramente indipendenti. Dore vede, accanto alle difficoltà di natura economica, quelle derivanti dalla volontà di rinnovamento dei contenuti e sottolinea che il cattolico ha bisogno di un’ampia informazione religiosa nazionale e internazionale, ed ha anche bisogno di un’uguale informazione in tutti i settori nei quali si articola la vita del nostro tempo 38 . Giampietro Dore lasciò molta libertà al caporedattore Gaetano Nanetti e a tutti i giornalisti che «seppero confezionare ancora per circa un anno un prodotto dignitoso e leggibile, pieno di grinta e di idee» 39 . Dore guidò la testata bolognese sino alla chiusura. L’ultimo numero uscì nelle edicole domenica 1 dicembre 1968. I.2.3. “L’Italia” Se “L’Italia”, nelle intenzioni di Paolo VI era destinata a fondersi con “L’Avvenire d’Italia”, non si allontanava molto da quelle che erano state le sue origini. La testata milanese, infatti, nacque il 25 giugno 1912 succedendo a “L’Unione”, che il cardinal Andrea Ferrari aveva voluto sorgesse dalla fusione dei due giornali milanesi “L’Osservatore Cattolico” e “La Lega Lombarda” 40 . I.2.3.1. Giovanni Grosoli: la vicenda del trust In tutti i suoi cinquantasei anni di vita il quotidiano milanese passò attraverso vicende avventurose a partire dal 1912 quando il conte Giovanni Grosoli fondò una catena di quotidiani, il cosiddetto trust, del quale “L’Italia” faceva parte. Questa operazione incontrò difficoltà di tipo ideologico e finanziario. La Santa sede, intervenendo in tale questione sconsigliò ai cattolici la lettura delle testate che rientravano nel trust poiché le riteneva responsabili di non trattare il tema della libertà e dell’indipendenza della Chiesa e, con questo, di contribuire alla confusione delle idee in proposito. Questo pronunciamento della santa sede provocò una consistente diminuzione delle copie de “L’Italia”. Ma i vertici della Chiesa avevano a cuore la sorte del quotidiano della diocesi di Milano e incaricarono l’avvocato Luigi Colombo, allora presidente dell’Azione Cattolica italiana, di salvare la testata milanese. Tra la fine del 1922 e l’inizio del 1923 Colombo riuscì a sganciare “L’Italia” dal trust 41 . 37 SERGIO BALISTRIERI, Intervista cit. 38 GIAMPIETRO DORE, “L’Avvenire d’Italia”, 2 agosto 1967. 39 SERGIO BALISTRIERI, Cuore lombardo […], cit. p.31. 40 NATAL MARIO LUGARO, Mons. Giuseppe Bicchierai e il quotidiano cattolico, “Civiltà ambrosiana” n° 4/1987, p. 298. 41 NATAL MARIO LUGARO, voce “Italia (L’)” in Dizionario della Chiesa ambrosiana, Milano, Ned, 1987, p. 1643.
Anteprima della tesi: Una voce fuori dal coro: Avvenire, il quotidiano dei cattolici italiani, Pagina 8

Indice dalla tesi:

Una voce fuori dal coro: Avvenire, il quotidiano dei cattolici italiani

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Pierachille Dolfini
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1997-98
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze dell'Educazione
  Relatore: Giuseppe Farinelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 115

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

avvenire
avvenire.it
chiesa
conferenza episcopale italiana
dino boffo
giornali vaticano
informazione
notizie giornali
paolo vi
quotidiano avvenire
quotidiano cattolico
stampa cattolica
stampa chiesa
stampa vaticana

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi