L'home banking e la presenza delle banche in Internet

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

1. Introduzione 4 1. Introduzione Da quando, nel novembre 1995, divenne di dominio pubblico l’ esistenza di Internet, il suo utilizzo si diffuse, dapprima lentamente e poi, grazie anche all’ azione informativa svolta da riviste specializzate, sempre più velocemente, alle volte anche in maniera eccessiva. Gli utilizzatori sono i più svariati: aziende che cercano una loro pubblicità e presentazione su Internet, privati che creano una propria home page personale, autori che diffondono i loro lavori, commercianti che cercano di realizzare i cosìdetti negozi virtuali; ulteriori utilizzi del mezzo sono, in un campo un po’ diverso, la posta elettronica (per comunicare in tempo reale), la diffusione dei newsgroups, le chat telefoniche via Internet, le conferenze via Internet, ecc.. In questo processo di sviluppo, così veloce da apparire quasi un’ esplosione, si sono inserite anche le banche. Prima di Internet, esse avevano già iniziato la loro “informatizzazione” con alcuni strumenti destinati ai clienti: il bancomat (per ritirare denaro dal c. c. anche quando la banca è chiusa), l’ home banking (gestione del proprio c. c. dalla propria abitazione tramite un pc, un apposito software ed un modem). Poco alla volta le banche, cercando di coglierne le potenzialità, si sono sempre più “presentate” su Internet: le prime esperienze in questo senso sono state realizzate negli Stati Uniti; in Italia le banche che usufruiscono di tale mezzo sono circa 160, quindi solo una parte del totale. Nel presente lavoro si esamineranno dapprima alcuni strumenti di accesso, cioè l’ home banking e la moneta elettronica (cap. 2), successivamente l’ evoluzione della presenza delle banche nella rete, i servizi da esse offerti e le problematiche, principalmente di sicurezza, che li accompagnano (cap. 3). Infine, prima delle conclusioni, per maggior chiarezza dell’ esposizione, si esemplificheranno due casi relativi ad una banca operante anche in rete (Cariplo) ed un’ altra (Security Firs t Network Bank ) operante esclusivamente nella stessa. Il materiale utilizzato per la stesura di questa tesi è stato reperito quasi esclusivamente in Internet adottando come web-browser per navigare Netscape 3.0 Gold.

Anteprima della Tesi di Andrea Cipriani

Anteprima della tesi: L'home banking e la presenza delle banche in Internet, Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Andrea Cipriani Contatta »

Composta da 112 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8202 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.