Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Politica e militanza: le riviste cinematografiche negli anni Settanta

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

1 PREMESSA Questo lavoro si occupa delle riviste italiane di critica cinematografica nel periodo 1968/1979, soffermandosi, in particolare, sul dibattito politico sotteso al cosiddetto cinema politico e militante. Iniziamo dal 1968 poiché si considera generalmente un anno di svolta, per alcuni l’apertura di nuovi orizzonti, per altri l’ultima delle utopie; per alcuni una pagina da cancellare, per altri una stagione da ricordare senza pentimenti ma anche senza rimpianti. Il ’68 segna l’avvio di un dibattito che terrà banco per tutto il decennio successivo, e che farà da sfondo anche a ricerche più tarde. Un dibattito che ha, nella sua forma più generale, come oggetto le valenze politiche del cinema. Nel periodo trattato in questo lavoro, si assiste ad una varietà di posizioni che si cercherà di ricostruire nelle sue linee essenziali ed esemplari, prendendo in considerazione quattro tra le riviste più rappresentative impegnate nella discussione e d’orientamenti ideologici diversi: la Rivista del Cinematografo, Cineforum, Cinemasessanta, Cinema Nuovo. Cercheremo di rendere conto dell’acceso e fecondo dibattito critico portato avanti dalle riviste, cercando di tracciare un racconto intellettuale che di quel dibattito vuole cogliere il senso. Questo è il tema di tutta la seconda parte mentre la prima si configura come introduzione, raccontando il cinema italiano e la critica cinematografica in quegli anni e la storia della pratica politica e militante di questo cinema. L’osservatorio preso in considerazione sui temi trattati non è casuale: in quella stagione sono infatti le riviste a portare avanti la discussione, attraverso il varo di parole d’ordine, il confronto reciproco, la pubblicazione di “manifesti” e la ricerca continua di un chiarimento interno.

Anteprima della Tesi di Mario Brucker

Anteprima della tesi: Politica e militanza: le riviste cinematografiche negli anni Settanta, Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Mario Brucker Contatta »

Composta da 423 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2943 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.