Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Politica e militanza: le riviste cinematografiche negli anni Settanta

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 linguaggio, smascherano il mezzo e spezzano il discorso in due grandi filoni, quello dell’opera a forte carattere metaforico, e quella a carattere saggistico (fino alla nuova oratoria o nuova retorica della fase pre e post-sessantottesca). Si assiste ad una deflagrazione e a un rimescolamento di moduli espressivi, di stereotipi, di giuochi di specchi quali non erano ancora mai avvenuti nel nostro cinema. Nascono: l’apologo (Sotto il segno dello Scorpione), il grottesco kafkiano (i film di Petri), la favola, l’iperbole, il poemetto (Uccellacci e uccellini), il saggio (La presa del potere di Luigi XIV), il gioco sul testo (i film di Carmelo Bene). Per alcuni film, come Accattone (1961) di Pasolini, L’assassino (1961) e I giorni contati (1962) di Elio Petri, Un uomo da bruciare (1962) dei Taviani e Orsini, Prima della rivoluzione (1964) di Bertolucci, Chi lavora è perduto (1963) di Tinto Brass, affiora la proposta di una messa in crisi radicale, una volontà di giudizio o di sospensione di giudizio, non perché svalutata da una crisi esistenziale a favore della memoria o del subconscio, ma perché oggettivamente, per tutti gli uomini, la realtà viene proposta come grottesca, labirintica, perché orientata, in senso storico, in una direzione non giusta (irrazionale) e quindi non traducibile in termini realistici. La passione e l’ideologia costituiscono l’endiadi che meglio serve a spiegare gli atteggiamenti di questi autori. La passione, che è anche e principalmente amore per il cinema, oltre che investimento politico; l’ideologia che è la spinta ideale e insieme lo strumento razionale per prendere partito, nel cinema e nella società. Film come I pugni in tasca, Sovversivi, I dannati della terra, Tropici, Dillinger è morto, oltre a quelli sopra citati, fanno sempre filtrare la loro politicità dalle soluzioni formali adottate, dalle cifre stilistiche attuate.

Anteprima della Tesi di Mario Brucker

Anteprima della tesi: Politica e militanza: le riviste cinematografiche negli anni Settanta, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Mario Brucker Contatta »

Composta da 423 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2943 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.