Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Politica e militanza: le riviste cinematografiche negli anni Settanta

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 Nel nuovo cinema italiano, dunque, anche quando veniva postulato il primato della politica, questo era coniugato con il primato del cinema, anche perché reclamava il massimo di responsabilità semantica. Ci si potrebbe chiedere come mai inizia, proprio intorno alla metà degli anni Sessanta, la seconda fase del nuovo cinema, in cui tutti i pezzi del gioco e i termini del linguaggio, temi e personaggi, vengono di nuovo rimescolati, a pochi anni dalla prima crisi del neorealismo storico e in un periodo in cui Visconti, Antonioni, Fellini avevano già gettato le strutture di un linguaggio diverso sulle quali si poteva pensare di poter lavorare tranquilli ancora per un decennio. Il cineasta Carlo Lizzani risponde 2 che bisogna guardare anzitutto a certi fatti storici come la destalinizzazione, i fatti d’Ungheria, la crisi del mito rivoluzionario, il grande choc del conflitto russo-cinese, l’emergere di complotti inquietanti in cui scompaiono figure carismatiche della democrazia americana, il muro di Berlino, il Vietnam, Praga. Non poche certezze, speranze, illusioni e fedi sono state messe in crisi. Ad insidiare le certezze del neorealismo non sono più soltanto le ripercussioni sul terreno italiano della ventata esistenzialista, la scoperta della psicanalisi, il cauto lavoro di Lukács all’interno del quadro storico politico culturale creato dal leninismo, l’arricchimento dialettico di Gramsci, l’evoluzione di Yalta, la ripresa di un discorso europeo su Brecht e le avanguardie. Le inquietudini, le smitizzazioni, le incertezze, assumono il carattere di prodromi di un terremoto che si propagherà al di fuori dei circoli culturali ed arriverà ai grandi processi a carattere planetario del 1968. 2 Carlo Lizzani, Il cinema italiano dalle origini agli anni ottanta, Editori Riuniti, 1992.

Anteprima della Tesi di Mario Brucker

Anteprima della tesi: Politica e militanza: le riviste cinematografiche negli anni Settanta, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Mario Brucker Contatta »

Composta da 423 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2943 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.