Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La filosofia della scienza di Hilary Putnam

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

1. La componente olistica W.V.O. Quine costituisce senza dubbio un punto di riferimento irrinunciabile lungo tutto l'arco della riflessione filosofica di Putnam, sia come fonte inesauribile di spunti che come occasione di confronto e talvolta anche di polemica. All'inizio degli anni '50, in un celeberrimo articolo 1 in cui si procedeva ad una profonda riforma del neopositivismo logico, in primo luogo attraverso una sferzante critica ai ‘dogmi dell'empirismo’, Quine prefigurava come principali conseguenze del loro sistematico abbandono "[...]un offuscarsi della distinzione tra metafisica e scienza naturale" 2 , in direzione quindi di una ‘epistemologia naturalizzata’, e, aspetto non meno importante, "[...]un accostarsi al pragmatismo" 3 . Sottoscritta in pieno la dottrina olistica, Putnam seguirà Quine soprattutto su questo secondo punto, dando un'impronta marcatamente pragmatista alla sua epistemologia, mentre rifiuterà con decisione il primo. In questo capitolo vedremo prima di tutto in cosa consista il ‘dogmatismo’ che Quine intendeva smantellare, per poi considerare il modo in cui Putnam si ponga nei confronti dell'olismo quineano e soprattutto in che modo affronti l'aspetto più ‘scandaloso’ dell'articolo di Quine, ovvero il radicale rifiuto di una delle distinzioni più affermate in ambito filosofico, quella tra analitico e sintetico, questione a cui Putnam ha dedicato nel corso degli anni numerose pagine 4 . Non mancheremo pertanto di mettere nella giusta evidenza la notevole rilevanza di questo aspetto nell'epistemologia di Putnam. 1 Quine (1951) 2 Op. cit., p.20. D'ora in avanti, i numeri di pagina e i passi citati si riferiranno sempre alla traduzione italiana. Quando questa non sia disponibile, la traduzione è nostra. In questo caso, riporteremo in nota il testo originale. 3 Ibid. 4 Ci riferiremo soprattutto a "L'analitico e il sintetico" [Putnam (1975b), pp.54-90], articolo già pubblicato nel 1962 [cfr. Feigl, Scriven e Maxwell (a cura di) (1962)] e poi inserito nel secondo volume dei Philosophical Papers. Terremo conto anche de "L'olismo del significato"

Anteprima della Tesi di Francesco Zago

Anteprima della tesi: La filosofia della scienza di Hilary Putnam, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Francesco Zago Contatta »

Composta da 378 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4300 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.