Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Melmoth the Wanderer di Charles Robert Maturin e Melmoth Reconciliè di Honorè de Balzac

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

M.G. Lewis, segnando l’inizio del grande favore incontrato dal genere nero in Francia. Se in Inghilterra lo scoppio della rivoluzione francese non sembra aver avuto gran peso nella diffusione del gusto per il gotico, in Francia, invece, lo favorì abituando il pubblico a scene sanguinose e raccapriccianti. La rivoluzione era iniziata come moto di protesta, una protesta che si ripercosse anche negli ambienti culturali, oppressi dalle antiche tradizioni e dalle regole del classicismo. Quello che si esprimeva era il bisogno di novità, e chi meglio del genere gotico poteva fornirle, con l’orrore suscitato da scene piene di sangue, crimini, omicidi, ai quali si univa il terrore scaturito dall’esplorazione delle regioni sconosciute del soprannaturale e del meraviglioso? Le basi erano dunque poste e il romanzo gotico inglese si diffonde rapidamente in Francia, grazie all’opera di zelanti traduttori ai quali, tuttavia, non si può evitare di rivolgere un rimprovero a causa dell’eccessiva libertà d’interpretazione usata nelle traduzioni. Non sono rari, infatti, i casi in cui i traduttori apportano delle modifiche ai testi o 6

Anteprima della Tesi di Barbara Paolone

Anteprima della tesi: Melmoth the Wanderer di Charles Robert Maturin e Melmoth Reconciliè di Honorè de Balzac, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Barbara Paolone Contatta »

Composta da 106 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1996 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.