Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Benefici e costi dell'Unione Monetaria Europea: l'esempio di Gran Bretagna, Danimarca e Svezia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

né vuole essere lasciato fuori dal corso della storia europea. Il vero problema era quindi se l’approvazione, fatta di firma e ratifica del trattato 3 fosse l’ultimo atto per cui si richiedesse assoluta unanimità o se, dopo l’approvazione, i paesi fossero ancora liberi di decidere se attuare o meno il trattato. In questo secondo caso le disposizioni del trattato sarebbero state formulate in modo da non essere vincolanti. Il vero problema era riuscire a salvaguardare il carattere vincolante del patto comunitario, carattere che costituisce l’essenza stessa della Comunità, ciò che la distingue da organismi internazionali privi di forza, trovando tuttavia la maniera di consentire al Regno Unito di prendere la sua decisione finale fra qualche tempo. La soluzione a questi problemi si ritrova nell’articolo 109k il quale contempla che a maggioranza qualificata e in base a una raccomandazione della commissione, è possibile decidere se alcuni stati membri possano godere di una qualche eccezione 4 . L’U.E.M. è stata quindi concepita come un processo irreversibile, nel quale non si riconosce agli Stati una possibilità di opting out, poiché questa avrebbe suscitato la speculazione nel mercato dei cambi e avrebbe causato un grave danno al mercato dell’ECU e, soprattutto, avrebbe tolto al processo tutta la sua attendibilità politica. 5 Senza dubbio questa irreversibilità dell’U.E.M. è limitata dalle situazioni giuridiche speciali previste nel Trattato per il Regno Unito e la Danimarca, che permettono loro di decidere unilateralmente la loro partecipazione alla fase finale dell’U.E.M. Per quanto riguarda la Gran Bretagna, la situazione giuridica speciale è quella 3 Il trattato istitutivo dell’Unione europea è stato firmato a Maastricht dai 12 stati membri il 7 febbraio 1992 ed è entrato in vigore nel novembre del 1993. E’ composto da 252 articoli, 17 protocolli e 31 dichiarazioni; modifica e completa il Trattato di Roma e l’Atto Unico Europeo. Idealmente il trattato ha una struttura tripartita: il primo “pilastro” comprende CEE, CECA ed EURATOM, il secondo “pilastro” comprende la politica estera e di sicurezza comune (PESC), il terzo “pilastro” si occupa di cooperazione giudiziaria e negli affari interni (CGAI). Mentre le decisioni che raggruppano il primo “pilastro” sono prese dalle istituzioni comunitarie, il secondo e il terzo “pilastro” funzionano secondo il metodo intergovernativo. Il Trattato prevede l’adozione di una strategia che porti alla realizzazione per tappe dell’Unione economica e monetaria, che rappresenta una delle grandi novità del nuovo testo. 4 “Código de organizaciones internacionales”, editorial Aranzadi, Pamplona, 1997. 5 Diez de Velasco, Manuel, “Las organizaciones internacionales”, editorial Tecnos, Madrid, 1997

Anteprima della Tesi di Francesca Cinelli

Anteprima della tesi: Benefici e costi dell'Unione Monetaria Europea: l'esempio di Gran Bretagna, Danimarca e Svezia, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Francesca Cinelli Contatta »

Composta da 127 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4913 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.