Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'industria del riciclo dei rifiuti solidi. Il caso del legno

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

15 Anche l’individuazione di specifici obiettivi per il riciclaggio ed il recupero rappresenta uno strumento valido di azione che va , comunque, supportato da informazioni affidabili ed aggiornate al fine di garantire da un lato obiettivi adeguati , dall’altro il monitoraggio degli stessi allo scopo di introdurre , se necessario , eventuali misure correttive. Risulta necessario l’adozione a livello comunitario di un sistema affidabile per la raccolta dei dati concernenti la produzione e la gestione dei rifiuti. Nella Community Waste Management Strategy che rappresenta il documento di riferimento della nuova politica di gestione dei rifiuti , del V Programma di azione Comunitario, viene ribadita la convinzione che la prevenzione della produzione debba essere considerata una priorità per qualsiasi politica di gestione dei rifiuti in modo da ridurre il volume dei rifiuti prodotti e i pericoli connessi alla loro gestione. Il VI Programma d’azione per l’ambiente ( COM2001-31 definitivo) , recentemente approvato dalla Commissione Europea , riprende , nel capitolo dedicato alla gestione dei rifiuti , i principi indicati nella Strategia. Ma pone soprattutto l’attenzione sulla necessità di intervenire in maniera più incisiva sulla prevenzione della qualità e della pericolosità dei rifiuti. Con l’aumentare della ricchezza e della produzione , cresce anche la domanda di prodotti che , tra altro , hanno cicli di vita sempre più brevi , tale situazione determina un aumento della quantità di rifiuti derivanti dai prodotti ormai fuori uso e dai relativi cicli di estrazione e di fabbricazione. Parallelamente , molti prodotti diventano sempre più complessi , essendo costituiti da più materiali e sostanze con maggiori rischi per la salute e per l’ambiente legati alla gestione degli stessi una volta divenuti rifiuti. L’obiettivo principale consiste nello scindere l’aspetto della produzione dei rifiuti da quello della crescita economica per ottenere una sensibile riduzione complessiva della quantità di rifiuti

Anteprima della Tesi di Elisabetta Illomei

Anteprima della tesi: L'industria del riciclo dei rifiuti solidi. Il caso del legno, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Architettura

Autore: Elisabetta Illomei Contatta »

Composta da 154 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4975 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.